Cyber previsioni per il 2018: seconda parte

Cyber previsioni per il 2018: seconda parte

Leggi di seguito gli ulteriori  pronostici nella seconda parte delle previsioni informatiche per il 2018.

Pronti o no, arriva  il GDPR
Il 25 maggio è alle porte. È il giorno in cui entrerà in vigore il regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) dell’UE. Molte organizzazioni affermano di essere pronte ma in realtà non lo sono. Non sono in grado di soddisfare tutti i requisiti come la notifica di violazione entro 72 ore. Oggi, la violazione media non viene nemmeno notata per settimane. Prevedo un pandemonio a marzo e aprile. Chi vuole essere la prima azienda colpita da una forte sanzione UE per non conformità? Ci saranno molti candidati, temo.

Molti coinvolgimenti da parte del governo
GDPR è solo un tentativo ambiguo di controllare l’accesso e l’uso di informazioni personali identificabili (PII). Possiamo vedere vari governi approvare la legislazione in merito alla sicurezza informatica e all’uso dei dispositivi IoT. Le leggi saranno approvate ma gli attacchi continueranno ad andare avanti.

Molti dati “oscuri” verranno  alla luce
Il 2017 ha visto violazioni su larga scala e perdite di dati piuttosto gravi. Solo la violazione di Equifax ha esposto 143 milioni di record di dati pieni di informazioni personali. Prevediamo che questi dati diventeranno disponibili sul lato oscuro del web durante il 2018. Le informazioni rubate consentiranno agli hacker massicci attacchi a sistemi governativi, finanziari, sanitari e di altro tipo.

L’IoT è una delizia per gli hacker
Gli hacker continueranno a sfruttare i dispositivi non protetti per spiare le persone e, peggio ancora. Le smart home diventeranno calamite per vari tipi di attacchi (l’accensione a distanza degli irrigatori automatici, per esempio) e gravi minacce alla privacy (potrebbero usare telecamere di sicurezza per spiare). Le reti botnet verranno utilizzate per creare attacchi DDoS che minacceranno governi e siti web popolari.

Reti su ruote
Molti analisti raggruppano le auto connesse con i dispositivi IoT. L’auto connessa è molto più complessa, come una rete di computer completa a sé stante. L’auto connessa di oggi ospita già 150 unità di controllo elettronico (computer) dedicate che comunicano fino a 7 bus di dati. Tali macchine inviano più di 25 GB di dati all’ora – fino a 12 film Netflix in streaming HD. Le notizie saranno piene di storie di modi innovativi di come prendere il controllo delle funzioni dell’automobile.

Valute
Ogni giorno leggiamo di Bitcoin che raggiungono nuovi massimi. Insieme a Ethereum, Litecoin e altri, le criptovalute ora rivendicano una capitalizzazione di mercato di oltre $ 1 miliardo. Possiamo aspettarci che gli hacker seguano queste valute con nuovi, audaci attacchi che rovineranno le economie nazionali e i mercati internazionali.

L’autenticazione a più fattori sostituisce le password
Le password diventeranno piuttosto superate nel 2018 con le aziende che adottano rapidamente l’autenticazione a più fattori a molti livelli. Le soluzioni biometriche – riconoscimento vocale, scansione facciale e retina e impronte digitali – sostituiranno le password e i token tradizionali entro i prossimi anni.

I giocatori alzano la posta in gioco
Nel 2018 le organizzazioni continueranno follemente a combattere la prossima ondata di attacchi, altamente sofisticati e  ben finanziati, con le stesse soluzioni che hanno avuto per anni. Le soluzioni attuali non sopportano questi attacchi sofisticati, offrendo un vantaggio agli aggressori. Prevedo sorprese molto “spiacevoli” per colpire aziende e istituzioni governative in tutto il mondo.

Chi controlla le elezioni?
Un attacco alla democrazia potrebbe essere imminente. Nel 2017, un ricercatore ha annunciato di aver scoperto un database accessibile al pubblico che conteneva le informazioni personali di 198 milioni di elettori statunitensi. Hacker e anche i partiti politici non etici potrebbere a usare questi dati per corrompere le elezioni come quelle americane di metà mandato.

Prestare attenzione ai fornitori di software
Sapevi che le principali violazioni sono causate da negligenza da parte di terzi? Nel 2017, centinaia di migliaia di aziende hanno sofferto alla luce di una vulnerabilità di Microsoft. Nel 2018, le società utilizzeranno i revisori per esaminare la sicurezza del software di terze parti e stabilire gli standard di sicurezza. I venditori saranno tenuti a passare attraverso lo screening di due diligence prima di poter effettuare la vendita.

Smartphone violati
Con il passare degli anni, aumentiamo in modo significativo il volume di dati personali e aziendali che conserviamo sui nostri smartphone. L’esercito degli smartphone aziendali è ora un obiettivo allettante. Gli hacker lo sanno, quindi stanno cambiando le loro priorità. Nel 2018, vedremo un passaggio importante dall’hacking dei computer all’hacking degli smartphone.

Spamming sul Mobile Phone
Con un numero maggiore di telefoni cellulari rispetto ai cittadini, lo spam nei telefoni cellulari si diffonderà. I gestori telefinici dovranno adottare politiche opt-in per difendere il loro territorio da questa minaccia.

Poteggiti
Il 2018 sarà l’anno più impegnativo e più costoso della storia informatica fino ad oggi. I CISO dovranno mantenere una difesa varia  e multistrato per garantire la sicurezza, senza cadere preda degli spiriti maligni del malware e del caos che sono  pronti ad attaccare il nostro mondo in rete.

Fonte: Ericom Software

Cyber Previsioni ​​2018 – prima parte

Cyber Previsioni ​​2018 – prima parte

Abracadabra, sim sala bim, bibbidi bobbidi bu!
Cosa predicono gli “spiriti” per il 2018 per la sicurezza infomatica? “Sarà maggiore e peggiore”, proclamano.

Spese e costi per la sicurezza informatica
Le aziende continueranno a spendere sempre di più per la difesa cibernetica con costi che superano il livello di $ 90 miliardi. Sfortunatamente, tutti quei soldi non compreranno né la tranquillità né la sicurezza.
Anche se il 2017 ha portato un grande aumento nella frequenza e nel danno degli attacchi informatici (si pensi a “Equifax” e “WannaCry”), nel 2018 ci troveremo di fronte a situazioni sempre più occulte e distruttive. Aspettatevi che il costo medio di una violazione dei dati aumenti di circa il 20%, a più di $ 3,5 milioni per incidente, mentre le perdite totali dovute alla criminalità informatica supereranno probabilmente i $ 1,5 trilioni.

Dipendenti come obiettivi
Gli esseri umani continueranno ad essere l’anello più debole nella sicurezza informatica. Nonostante la crescente attenzione alle minacce interne, i dipendenti saranno sempre l’obiettivo scelto dagli hacker che continueranno a sfruttare questa debolezza con grande successo. Cercheranno altri attacchi di phishing, malvertising e simili per affliggere i dipendenti.

Nuovi metodi di difesa informatica
Il modello di rilevazione / risposta ampiamente utilizzato, che è stato l’approccio primario alla sicurezza informatica dall’inizio del secolo, non sarà all’altezza degli attacchi di quest’anno. Con la velocità di penetrazione dei malware e l’aumento dei danni, l’individuazione e la risposta dopo il fatto arriva troppo tardi per fornire una ragionevole difesa. Nel 2018, le aziende si sposteranno verso due nuove direzioni: automation e distancing.

  • Automation
    Quest’anno, le aziende adotteranno sempre più soluzioni di apprendimento automatico (machine learning) che automatizzano il rilevamento.
    Poiché gli attacchi zero-day si fondono l’un l’altro, un approccio di apprendimento automatico che rileva automaticamente le somiglianze tra vecchi attacchi e nuovi accelererà l’identificazione delle minacce e proteggerà i dati. Apparentemente, una soluzione di apprendimento automatico diventa più intelligente quando incontra più situazioni. Nel 2018, con più esperienza alle spalle, queste soluzioni metteranno sempre più in allarme i CISO e il personale addetto alla sicurezza verso le potenziali minacce.
  • Distancing
    Le aziende adotteranno anche tecniche che spingono i potenziali attacchi più lontano dai server e dagli endpoint vulnerabili. Due di queste soluzioni saranno ampiamente adottate nel 2018: Content Disarm and Reconstruction (CDR) e Remote Browser Isolation (RBI). Entrambe adottano un concetto simile: sbarazzarsi di tutto il codice attivo (e quindi potenzialmente rischioso) in una posizione remota e sicura prima di trasferire file innocui nella rete.
    Il CDR esamina i file che entrano nella rete tramite e-mail, download e altri meccanismi frequentemente utilizzati e rimuove gli elementi che non corrispondono agli standard o alle policy dei file che potrebbero mascherare il codice o il malware non autorizzato. I file vengono ricostruiti e, solo successivamente, trasmessi al destinatario.
    RBI opera in modo simile ma ancora più rigoroso, anche se su pagine web. Quando gli utenti navigano sul Web da un PC, tablet o smartphone, la loro richiesta viene indirizzata a un server remoto in cui la pagina Web viene eseguita in un ambiente isolato. Il contenuto richiesto viene quindi reso come un flusso sicuro di immagini (e audio) che può essere tranquillamente passato al browser locale in tempo reale. Tutto il codice attivo, incluso il potenziale malware, viene rimosso e tenuto lontano dalla rete aziendale e dagli endpoint e scartato insieme al resto della sessione di navigazione una volta chiusa la scheda (o dopo un “timeout” predefinito). Se eseguiti correttamente, gli utenti non notano alcuna differenza rispetto all’esperienza di navigazione standard.

Carenza di manodopera per la sicurezza informatica
Non c’è soluzione in vista alla mancanza di analisti della sicurezza. Nel 2018 il numero di posizioni aperte negli Stati Uniti rimarrà ben al di sopra di 1 milione. Possiamo aspettarci che gli hacker ne traggano il massimo vantaggio. Le organizzazioni inizieranno a prendere in considerazione persone con simili background, esperienze e formazione per ricoprire posizioni di sicurezza informatica, anche se prive di alcune qualifiche. Di conseguenza, il 2018 si preannuncia come un buon anno per i grandi MSSP (Managed Security Service Provider), poiché le aziende amplieranno l’utilizzo dei servizi di gestione della sicurezza.

È bello essere CISO
Nel 2018, il ruolo del CISO continuerà ad espandersi e ad evolversi per comprendere la politica pubblica, l’applicazione della legge, le norme sulla privacy e la  comprensione del panorama delle minacce. In effetti, i CISO  potrebbero fare un salto di qualità nell’organizzazione per riferire direttamente agli amministratori delegati delle società.

Fonte: Ericom Software