Pandora’s Sandbox: perché le sandbox sono impotenti contro le minacce portate dal browser

Pandora’s Sandbox: perché le sandbox sono impotenti contro le minacce portate dal browser

La sandbox è la nonna delle soluzioni di cybersecurity. Sin dai primi anni ’90, si è dimostrata efficace nel scoprire i file pericolosi prima che arrivino agli endpoint e alle reti. Tuttavia, nell’era dello smart browsing e degli hacker sempre più intelligenti, molti dei mali di Internet hanno iniziato a disperdersi fuori dalla sandbox, facendo apparire le sandbox più simili a vasi di Pandora.
Come è possibile che improvvisamente si siano alzati i coperchi della sandbox facendo uscire i malware? E se le sandbox non eliminano più le minacce, come possiamo contenere e sradicare il malware prima che possa violare l’infrastruttura critica? Diamo un’occhiata.

La storia della sandbox

Cos’è esattamente una ‘sandbox’? Proprio come le ‘sandbox’ nei parchi giochi, le sandbox per la sicurezza informatica sono aree racchiuse in cui si svolgono vari scenari. Ma a differenza delle sandbox in cui fantasiosi castelli e fossati dei bambini permangono, le sandbox sono solo un punto in cui file e programmi vengono testati.

Negli ultimi anni, la capacità delle sandbox tradizionali di avere successo nella loro missione di effettuare “test fino a che non sia dimostrato che è sicuro” è stata erosa tanto quanto i castelli di sabbia in una tempesta. Ecco perché:

  • La sandbox è lenta poiché tutte le attività sui file devono essere testate prima del rilascio e gli utenti, che hanno bisogno di risultati immediati, semplicemente non possono (o non vogliono) attendere fino al completamento dei test.
  • Per accedere alle funzioni necessarie, come la stampa, il software in modalità sandbox richiede l’accesso, che generalmente gli utenti concedono, permettendo al coperchio di alzarsi e al malware di diffondersi.

Sandbox e hacker diventano più intelligenti

Per ovviare a questi inconvenienti, i leader della difesa cibernetica hanno potenziato il concetto di sandbox sfruttando l’euristica, l’analisi e l’intelligenza artificiale e integrandoli con soluzioni di rilevamento e blocco. Queste sandbox “next gen” più intelligenti accelerano l’analisi e riducono l’errore umano quando viene concesso l’accesso e il rilascio di file.
Per quanto si possa dire “maggiore sicurezza”, gli hacker esperti, creano malware che attendono innocentemente il periodo di sandboxing e attivano le attività dannose una volta rilasciato il software. I giochi gatto-e-topo tra sviluppatori e hacker li manterranno occupati per un lungo periodo. Le sandbox continueranno a migliorare l’identificazione dei file dannosi e gli hacker continueranno a sviluppare modi per attendere la fine della loro permanenza nella sandbox.

Le minacce trasmesse dal browser aggirano la sandbox

Sebbene le sandbox rimangano uno strato di difesa importante, anche se non infallibile, contro software e file, molti malintenzionati stanno concentrando i loro sforzi sulle minacce trasmesse dal browser che non possono essere fermate dalla sandbox.
Ecco come: nei browser di oggi, milioni di piccoli programmi vengono eseguiti senza essere scaricati. La possibilità di introdurre attività esterne da Internet direttamente su computer endpoint, senza scaricare file, è intrinseca alla progettazione del codice eseguibile dal browser. È ciò che rende i browser così potenti … e quindi molto pericolosi.
Queste piccole applicazioni vengono eseguite costantemente, in tempo reale, mentre gli utenti navigano nei siti web. Dal momento che non vengono mai scaricate, queste app non arrivano mai alla sandbox, quindi non possono essere chiuse e osservate, mentre arrivano sul tuo endpoint. Le sandbox perciò non sono in grado di fermarle.

Protezione dalle minacce trasmesse dal browser

Quindi, come impedire al codice trasmesso dal browser di introdurre malware che si diffonde rapidamente dall’endpoint al server e in tutta la rete organizzativa? Dal momento che non può essere messo in quarantena, il contenuto web deve essere isolato in modo permanente dagli endpoint da cui può diffondersi.
Scarica Digging Outside of Sandbox, il whitepaper gratuito per scoprire in che modo l’isolamento del browser remoto può proteggere la tua organizzazione dalle minacce trasmesse dai browser che le sandbox non possono gestire.
Con il web aperto, le organizzazioni devono portare tutte le difese a sopportare le minacce che continuano a diffondersi. Sandbox, soluzioni anti-virus, firewall, filtri URL e web gateway sicuri svolgono tutti ruoli importanti in una strategia di difesa approfondita, ma non sono sufficienti. Leggi il white paper per capire come la tua organizzazione può avere la protezione totale di cui ha bisogno.

Fonte: Ericom Software

La sandbox non salva iOS  – Wandera e C.H. Ostfeld hanno la risposta

La sandbox non salva iOS – Wandera e C.H. Ostfeld hanno la risposta

I ricercatori di  tre università hanno scoperto sette classi di vulnerabilità nella funzionalità sandbox del sistema operativo iOS di Apple, che se sfruttati potrebbe consentire a malintenzionati di  lanciare una serie di attacchi che metterebbero a rischio  i dati e la privacy degli utenti iPhone o iPad.

Questa sandbox utilizza un profilo, che Apple definisce come un “container”, che funge da interfaccia per le applicazioni di terze parti, concedendo delle autorizzazioni per le azioni che possono intraprendere  e a quali dati possono accedere.
Tuttavia, gli accademici presso la North Carolina State University, la tedesca Technische Universitat Darmstadt e della rumena University Politehnica of Bucharest hanno annunciato che hanno trovato difetti nel codice del sandbox che potrebbe consentire a sviluppatori di terze parti senza scrupoli di eseguire azioni non autorizzate sui dispositivi iOS.
In particolare, gli aggressori potrebbero sfruttare le vulnerabilità per bypassare le impostazioni di privacy dei  contatti, cercare lo storico della localizzazione, accedere a metadati del file system, ottenere le informazioni sullo spazio di archiviazione su disco, bloccare l’accesso alle risorse di sistema e consentire alle applicazioni di condividere le informazioni con gli altri senza permesso. Un comunicato stampa  della North Carolina State University afferma che riguardano “i dispositivi che eseguono nonjailbroken successive alle versioni di iOS 9.0.2 – tra cui, la versione che ha subito lo studio.

“Molte persone pensano che il sistema operativo chiuso di Apple sia più sicuro del sistema Android aperto”, ha detto Ahmad-Reza Sadeghi, un altro ricercatore e professore di informatica presso la Technische Universitat Darmstadt, in un comunicato stampa dell’università. Per verificare la validità di questa teoria, i ricercatori hanno deciso di dare un’occhiata più da vicino ad una delle caratteristiche chiave della sicurezza in iOS: sandbox. “Il nostro obiettivo era di vedere se si poteva automatizzare il rilevamento delle vulnerabilità di sicurezza”, ha detto Sadeghi.

Per fare questo, i ricercatori hanno creato un processo chiamato “SandScout” in modo da poter eseguire una serie di query automatiche sulla codifica, cercando potenziali scenari di abusi.

I ricercatori approfondiranno le vulnerabilità più in dettaglio in un prossimo documento di ricerca accademica, “SandScout: Automatic Detection of Flaws in iOS Sandbox Profiles”, che è previsto in uscita nel corso della ACM Conference on Computer and Communications Security, che si terrà a Vienna dal 24-28 ottobre.

Fino ad allora, i ricercatori non comunicheranno alcuni dettagli chiave mentre Apple lavora per affrontare i problemi. Secondo i ricercatori, sono stati attivamente impegnati con Apple e si aspettano che l’azienda emetterà una  patch di sicurezza. “Sperano di avere molti di questi problemi risolti con  iOS 10”, ha detto Enck. “Non siamo stati in grado di rivedere ancora le correzioni, ma abbiamo avuto discussioni con loro. Sembra che alcune non saranno completamente  messe a posto nella 10, ma sono consapevoli del problema “.

Wandera:  la risposta ai vostri problemi di mobilità aziendale

I dispositivi mobili sono degli strumenti incredibili per la produttività aziendale. Come si vede però, dando ai dipendenti tali  strumenti,  vengono introdotti anche dei rischi. Oltre a quello di cui si parla sopra,  i dati sensibili possono essere persi o rubati, i dipendenti possono abusare dei dispositivi e i costi possono andare fuori controllo. Di qui la necessità di soluzioni come Wandera che  offre un servizio in cloud per la gestione e sicurezza dei dati mobili.

Scarica la documentazione di Wandera

Download “Wandera_Overview_Italian.pdf” Wandera_Overview_Italian.pdf – Scaricato 171 volte – 3 MB

Fonte: SC Magazine