I costi delle violazione dei dati hanno raggiunto livelli record, e la maggior parte sono causate da credenziali di accesso rubate

I costi delle violazione dei dati hanno raggiunto livelli record, e la maggior parte sono causate da credenziali di accesso rubate

I costi delle violazione dei dati hanno raggiunto livelli record, e la maggior parte sono causate da credenziali di accesso rubate

Un nuovo rapporto del Ponemon Institute, commissionato da IBM Security, rivela che la pandemia COVID-19 ha spinto i costi delle violazioni dei dati a livelli record, e in accordo con altri studi, la maggior parte delle violazioni coinvolgono credenziali di accesso compromesse.

Secondo il report “Cost of a Data Breach 2021“, le organizzazioni possono aspettarsi di sborsare una media di 4,24 milioni di dollari per incidente, un aumento del 10% rispetto allo scorso anno, e il più alto nei 17 anni in cui IBM ha compilato il report. Per l’undicesimo anno di fila, il settore sanitario ha il più alto costo medio per la violazione dei dati, 9,23 milioni di dollari per incidente, un aumento di quasi il 30% rispetto allo scorso anno.

Mentre le violazioni del settore pubblico tendono a costare molto meno della media, “solo” 1,93 milioni di dollari, questo settore ha visto un enorme aumento del 78,7% del costo totale medio dal 2020.

Gli attacchi di ransomware costano ancora di più delle violazioni dei dati, con un costo medio per incidente di 4,62 milioni di dollari – e questo non include il costo del pagamento del riscatto, come fa quasi la metà delle organizzazioni statunitensi.

Il lavoro a distanza fa salire i costi di violazione dei dati

La pandemia COVID-19 ha costretto le organizzazioni ad adottare improvvisamente il lavoro remoto, senza preavviso e su larga scala, spesso a scapito della sicurezza informatica. Il rapporto IBM riflette questo, affermando che le violazioni in cui il lavoro remoto era un fattore costano oltre 1 milione di dollari in più rispetto alla media. Inoltre, le organizzazioni in cui più della metà della forza lavoro lavorava in remoto hanno impiegato in media 58 giorni in più per identificare e contenere le violazioni.

Le credenziali di accesso rubate causano la maggior parte delle violazioni

In accordo con altri studi, il rapporto ha scoperto che le credenziali di accesso compromesse hanno causato la maggior parte delle violazioni. Inoltre, le violazioni dei dati causate da credenziali compromesse hanno il più lungo “dwell time”, che misura il periodo tra quando un criminale informatico viola un sistema e quando il personale di sicurezza lo rileva.

Se un criminale informatico utilizza credenziali rubate per violare una rete, rimarrà inosservato per una media di 250 giorni, rispetto a 212 per le violazioni causate da altri mezzi. Il tempo di permanenza più lungo della media ha senso alla luce del fatto che le credenziali rubate permettono ai criminali informatici di bypassare firewall, software antivirus, sistemi di rilevamento delle intrusioni (IDS) e altre difese tecniche.

Keeper blocca le violazioni dei dati alla fonte

Con i costi di violazione dei dati in aumento e le credenziali di accesso rubate come vettore di minaccia numero uno, è più importante che mai per le organizzazioni garantire che i loro dipendenti seguano buone pratiche di sicurezza delle password, come l’uso di password forti e uniche per ogni account, l’abilitazione dell’autenticazione a più fattori (2FA) ovunque sia supportata e l’utilizzo di una piattaforma di gestione delle password come Keeper.

Keeper, la piattaforma zero-knowledge di crittografia e sicurezza delle password di livello enterprise offre agli amministratori IT una visibilità completa sulle pratiche relative alle password dei dipendenti, consentendo loro di monitorare l’uso delle stesse e di applicare le politiche di sicurezza delle password in tutta l’organizzazione. Keeper richiede solo pochi minuti per l’implementazione, ha bisogno di una gestione minima e si adatta alle esigenze di organizzazioni di qualsiasi dimensione

Per una maggiore protezione, le organizzazioni possono implementare preziosi add-on come Keeper Secure File Storage, che consente ai dipendenti di archiviare e condividere in modo sicuro documenti, immagini, video e persino certificati digitali e chiavi SSH, e BreachWatch™, che analizza i forum del Dark Web e notifica agli amministratori IT se le password dei dipendenti sono state compromesse in una violazione pubblica dei dati.

Fonte: Keeper Security