Mese della Sensibilizzazione alla Sicurezza Informatica

Mese della Sensibilizzazione alla Sicurezza Informatica

Qualsiasi manager dell’Information Security degno di fiducia – o manager IT- vi dirà che ogni giorno dovrebbe essere un giorno di sensibilizzazione alla sicurezza informatica. Ma come dice il proverbio, “se tutti sono speciali, nessuno è speciale”. Quindi, vale la pena designare un momento particolare per aumentare la consapevolezza della sicurezza informatica, anche se in realtà, dovremmo occuparcene TUTTI i giorni.

A tal fine, il US Department of Homeland Security (DHS), in collaborazione con la National Cybersecurity Alliance, ha designato il mese di ottobre come “National Cybersecurity Awareness Month (NCSAM)“, una tradizione iniziata nel 2003. Il tema dell’NCSAM di quest’anno è Do Your Part. #BeCyberSmart.”

Fortunatamente, la Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA) del DHS è andata oltre gli slogan accattivanti per pubblicare una serie di utilissimi documenti informativi che sono disponibili da copiare, distribuire, riassumere o adattare per supportare gli sforzi educativi degli utenti, senza alcuna restrizione di copyright.

In qualità di professionisti dell’Information Security o IT, state indubbiamente facendo tutto il possibile per proteggere al massimo la vostra infrastruttura. Ma come ben sapete, qualsiasi catena è forte solo quanto il suo anello più debole. Utenti istruiti e vigili sono un elemento vitale della vostra strategia di cybersecurity – forse uno dei più vitali, poiché l’infrastruttura può arrivare solo fino a un certo punto per proteggere dagli errori degli utenti.

Quindi, con questo in mente, siamo lieti di presentare alcuni dei punti principali che il CISA ha raccomandato di sottolineare agli utenti durante il National Cybersecurity Awareness Month.

Coltivare una mentalità “Zero Trust”

L’approccio dominante per la sicurezza dei dati oggi è Zero Trust – tutto, ogni utente (all’interno o all’esterno della vostra struttura fisica), ogni sito web, ogni documento scaricato, è considerato non attendibile, a meno che non venga dimostrato il contrario. Potete leggere di più su come applicare questo principio per proteggere la vostra organizzazione nel nostro recente post “Ten Years of Zero Trust – From Least Privilege Access to Microsegmentation and Beyond“.

La maggior parte degli utenti non voglio avere un approccio “Zero Trust”, ma è di vitale importanza che prestino attenzione e siano cauti. Dovrebbero sapere che se ricevono un’e-mail che è assolutamente fuori dal comune, dovrebbero dare un’occhiata da vicino all’indirizzo e-mail prima di aprirla. Nelle “spedizioni di phishing” gli hacker spesso creano un indirizzo e-mail che sembra molto simile a un indirizzo legittimo, compreso il nome del mittente. Se non è il normale indirizzo e-mail del mittente, potrebbe essere qualche cosa di pericoloso.

Una delle cose più importanti che gli utenti possono fare per proteggere sé stessi – e la propria organizzazione – dagli attacchi di phishing è fare molta, molta attenzione prima di cliccare su qualsiasi indirizzo email o link all’interno di un’email. È un gioco da ragazzi mostrare un indirizzo e-mail o un link diverso da quello reale. C’è un modo semplice per controllare. Basta passare il mouse sull’indirizzo e-mail o su un link prima di cliccarlo e assicurarsi che ciò che viene visualizzato nell’hover sia uguale a ciò che è nel testo.

Una volta che l’email di qualcuno è stata violata, il suo account può inviare messaggi che provengono realmente da quell’account – solo che si tratta di messaggi violati caricati con malware. Una delle più recenti truffe di phishing coinvolge persone che hackerano gli account di LinkedIn e poi inviano messaggi da quell’account violato. È un cybercriminale che lo sta effettivamente inviando, insieme a un link che installa malware sul dispositivo quando viene cliccato.

Dal punto di vista dell’infrastruttura, un modo importante e molto efficace per proteggersi dagli utenti che cliccano su link sbagliati, nonostante i vostri migliori sforzi educativi, è l’installazione di Remote Browser Isolation (RBI). RBI isola qualsiasi danno potenziale dal phishing e da altri attacchi di social engineering basati su siti web lontani dalla vostra rete, riducendo notevolmente il rischio di errori del fattore umano che inevitabilmente si verificano.

Non trascurare le password

Gli utenti spesso non vogliono essere infastiditi da una buona gestione delle password, rendendoli vulnerabili agli attacchi. Ricordate:

  • Non rendere facile il lavoro dei ladri informatici. Utilizzare password lunghe e complesse. Alcune delle password più comuni sono 123456 e “password”.
  • Non riutilizzare le password.
  • Utilizzare un gestore di password. Permette agli utenti di avere password uniche, lunghe e complesse per ogni sito senza farvi impazzire.
  • Utilizzare l’autenticazione multi-fattore ogni volta che viene offerta.

 

Fare attenzione quando si viaggia

Quando sono in viaggio, gli utenti devono essere consapevoli di questi rischi aggiuntivi e delle raccomandazioni:

  • “Se lo collegate, proteggetelo”. Tutto ciò che è connesso a Internet, che si tratti di un laptop, smartphone, tablet o qualsiasi altra cosa, dovrebbe essere protetto. Ciò significa mantenere tutti i software aggiornati e le patch applicate.
  • Eseguire il backup prima di partire. Assicuratevi che tutte le informazioni importanti siano salvate in modo sicuro, in modo che se un dispositivo viene smarrito, rubato o violato i dati importanti non vadano persi.
  • Spegnere la connessione automatica. Alcuni dispositivi possono connettersi automaticamente alle reti, il che potrebbe essere una pessima idea – un cybercriminale potrebbe accedere al dispositivo nel momento in cui l’utente si connette.
  • Assicuratevi che tutte le reti utilizzate siano legittime – in altre parole, assicuratevi che sia davvero la rete dell’hotel in cui vi state collegando, non qualche altra rete. Se l’accesso avviene da un punto di accesso pubblico non sicuro, come ad esempio un coffee shop, evitate di fare qualsiasi cosa che coinvolga informazioni sensibili.
  • Siate consapevoli della sicurezza fisica. Non lasciate incustodite in un luogo pubblico nessuna apparecchiatura, comprese le chiavette USB.

Conclusione

La vera sicurezza informatica è una joint venture tra le organizzazioni e i loro utenti. Il National Cybersecurity Awareness Month è un ottimo momento per educare i vostri utenti sulle cose che possono fare per aiutare a mantenere al sicuro sia i loro dati personali che quelli dell’azienda.

Fonte: Ericom Software

IT Asset Management per i responsabili IT: riprendete il controllo

IT Asset Management per i responsabili IT: riprendete il controllo

Collegare, centralizzare e consentire ai sistemi IT di collaborare tra silos, sedi e reparti è essenziale per fornire informazioni utili al team IT della vostra azienda. Ma 1 azienda su 3 non è a conoscenza dei dispositivi, del software e delle altre risorse IT di cui dispongono, dove si trovano e chi li utilizza. State operando sotto l’illusione del controllo? Scoprite di più nel nostro white paper gratuito.

Nessun dato centralizzato? Nessun processo decisionale consapevole

In qualità di leader IT, è probabile che riceviate report da diversi dipartimenti e stakeholder, ognuno dei quali si basa su un proprio archivio di dati che è (il più delle volte) separato da altre fonti di dati. Utilizzate quindi le informazioni contenute in questi report per prendere decisioni di alto livello sull’allocazione delle risorse in un’ampia gamma di settori. Quanto più grande è la vostra azienda, tanto maggiore sono le deleghe e tanto più frammentato è il panorama degli strumenti informatici

Gli svantaggi di un approccio dall’alto verso il basso sono evidenti, non solo in termini di processo decisionale ma anche di sicurezza, conformità, processo ed efficienza operativa.

La soluzione è capovolgere l’intero modello adottando una strategia dal basso verso l’alto che si basa su una panoramica unica e unificata del patrimonio IT disponibile in qualsiasi momento per ogni stakeholder. Entra nell’IT Asset Management centralizzato.

 

Business e IT parlano la stessa lingua

IT Asset Management significa fare un uso ottimale delle risorse tecnologiche di cui dispone la vostra azienda inventariando esattamente ciò che avete a disposizione, le sue capacità e il suo stato di sicurezza, la versione e la configurazione in un dato momento. È una pratica fondamentale che deve essere eseguita costantemente, in modo vigile e proattivo – ed è per questo che molte aziende non sono all’altezza.

Da un altro punto di vista, la gestione centralizzata degli asset IT consente a tutti gli stakeholder che necessitano di approfondimenti sul panorama IT della vostra azienda di parlare la stessa lingua, di basarsi sulle stesse informazioni e di prendere decisioni in linea con la strategia aziendale. Ciò ha un impatto sui profitti della vostra azienda.

Approfittate di una soluzione ITAM dedicata

È disponibile una gamma di strumenti che possono aiutarvi a consolidare la vostra comprensione del vostro panorama IT. Tuttavia, abbiamo sviluppato una soluzione “digital clearing-house” specifica per l’IT Asset Management che si basa sulla scansione senza agenti e offre un’ampia gamma di modelli di report completi.

Un ITAM centralizzato efficace non richiede enormi investimenti e contratti costosi con fornitori globali senza volto. Prendete la vostra copia gratuita del nostro white paper per scoprire come il vostro specifico business case può trarre vantaggio dalla nostra tecnologia.

Fonte: Lansweeper

C.H. Ostfeld Servizi ha firmato l’accordo di partnership con Keeper

C.H. Ostfeld Servizi ha firmato l’accordo di partnership con Keeper

“Keeper è lieta di annunciare che  le proprie soluzioni di sicurezza informatica verranno veicolate in tutta Italia attraverso C.H. Ostfeld Servizi” ha dichiarato il Direttore responsabile del Canale di Keeper in EMEA, Roland Steinmetz. “Con il suo rilevante portafoglio e 40 anni di esperienza nel mercato, Ostfeld, è il partner ideale per noi, che aiutiamo le aziende a prevenire le brecce di sicurezza correlate alle password e in generale alle minacce informatiche”.

Keeper è il migliore gestore di password per la protezione vostra e della vostra attività dalle violazioni dei dati legate alle password e dalle minacce informatiche, per migliorare la produttività dei dipendenti, per  tagliare i costi di helpdesk e per soddisfare i requisiti di conformità.

Massima Sicurezza
Keeper utilizza un’architettura di sicurezza zero-knowledge brevettata ed è il prodotto più certificato sul mercato. Keeper protegge la vostra azienda e i dati dei vostri clienti adottando tutte le misure di privacy, sicurezza e riservatezza.

Facilità d’uso
Keeper ha un’interfaccia utente intuitiva sia per desktop, sia per smartphone e tablet, di facile e rapida implementazione senza costi aggiuntivi di installazione ed avvio

Massima flessibilità
I ruoli configurabili, le autorizzazioni basate sul ruolo e i privilegi di amministratore offerti da Keeper si adattano alla struttura e alle politiche delle aziende di qualsiasi dimensione.

 

L’accesso remoto si è evoluto: Wandera Private Access

L’accesso remoto si è evoluto: Wandera Private Access

Come tutto è cambiato

Per Wandera l’anno è iniziato in nuova direzione, utilizzando i nostri punti di forza come esperti di sicurezza per stabilire un cerchio di fiducia. I leader della sicurezza ci dicevano che stabilire il grado di fiducia stava diventando una sfida importante per la loro attività, soprattutto quando erano coinvolti utenti remoti e risorse aziendali altamente sensibili e ricche di dati.

Nell’ambiente aziendale tradizionale, tutte le applicazioni funzionavano su server situati in sede con dispositivi IT connessi alla rete aziendale. Solo l’utente era sconosciuto, ma attraverso le credenziali, la biometria e l’autenticazione multi-fattore si poteva stabilire un ragionevole livello di fiducia su chi fosse l’individuo. Molte delle aziende con cui lavoriamo seguivano questo modello, dopo tutto il loro modello operativo ruotava ancora attorno ai dipendenti dell’ufficio.

Pochissime persone potevano prevedere le sfide che le aziende avrebbero dovuto affrontare nei mesi successivi. Non c’erano più lavoratori in ufficio, molti erano in contatto da casa e anche all’estero. Alcuni utilizzavano endpoint gestiti dalle aziende, ma molti avevano a disposizione solo dispositivi personali e quasi tutti utilizzavano dispositivi mobili per il lavoro.

Anche noi in Wandera siamo stati costretti ad adattarci: le videochiamate hanno sostituito le riunioni faccia a faccia, è stato implementato un modello di lavoro flessibile per aiutare i membri del team a proteggersi con i loro cari e i processi interni sono stati completamente digitalizzati in modo da poter continuare ad operare in modo efficace. Ci siamo resi conto che l’obiettivo che ci eravamo prefissati, sviluppare una vera soluzione di Zero-Trust Network Access, era più grande di quanto avessimo previsto.

Il punto di svolta

Sono entusiasta di annunciare ufficialmente il lancio della soluzione Zero Trust Network Access: Wandera Private Access.

Questa nuova soluzione completa la nostra missione di consentire ai lavoratori di essere produttivi al di fuori dell’ufficio come in esso, e allo stesso modo, indipendentemente dal fatto che siano dipendenti o partner. Per Private Access è irrilevante  il sistema operativo del dispositivo, la connessione dell’utente e la posizione dell’applicazione.

Wandera Private Access completa la suite Wandera esistente, una capacità di sicurezza unificata che ha già esteso la protezione dalle minacce e il filtraggio dei contenuti per fermare gli attacchi riducendo al contempo l’esposizione al rischio. Con un motore di analisi e policy veramente unificato, Wandera viene configurato una volta sola e applicato ovunque.

Costruito utilizzando la robusta architettura definita dal software di Wandera Security Cloud e sfruttando le competenze del team, Private Access fornisce un’esperienza veramente differenziata. Vi invito a leggere ulteriori informazioni su Wandera Private Access per scoprire perché è già riconosciuto dagli analisti.

Unisciti al cambiamento

Il viaggio di Wandera fino a questo punto è stato possibile solo grazie alle intuizioni, ai feedback e al supporto che abbiamo ricevuto dai nostri clienti. In questo mondo in continua evoluzione, lavorare a stretto contatto con loro ci ha permesso di comprendere le loro sfide, perfezionare i casi d’uso e costruire la migliore soluzione possibile.

Vi invito ad unirvi a noi nell’inaugurare la nuova era dell’accesso remoto.

Fonte: Wandera

C.H. Ostfeld ha firmato un accordo di partnership con Lansweeper

C.H. Ostfeld ha firmato un accordo di partnership con Lansweeper

Per Lanswwper la gestione dell’IT non è mai stata una sfida più grande. Hardware, software e utenti possono essere ovunque e in qualsiasi momento, rendendo gli ambienti IT estremamente dinamici e spesso complessi. Una domanda apparentemente semplice è diventata terribilmente difficile a cui rispondere: “Chi usa cosa?” Questa domanda ha ispirato Lansweeper che crede sia fondamentale rispondere per affrontare e semplificare molte delle sfide che i professionisti IT devono affrontare ogni giorno.

Lansweeper è una soluzione di gestione delle risorse IT agentless, in grado di scansionare qualsiasi configurazione di rete e di ottenere un inventario completo del software installato e di tutte le workstation, i server, i router, gli switch, i monitor, le stampanti e gli altri dispositivi di rete. Vengono scansionate numerose informazioni sull’hardware e sul software, che possono anche essere utilizzate per creare report.

Considerate Lansweeper la vostra unica fonte di verità su hardware, software e utenti. Offre una panoramica completa e aggiornata per guidare e supportare tutte le attività, i progetti e le decisioni relative alla rete.

Discovery

Lansweeper trova e raccoglie informazioni su tutti gli asset, elencando le specifiche hardware, il software installato, i dettagli dell’utente e molto altro ancora. Si ottiene una completa visibilità end-to-end della vostra rete, risparmiando tempo e risorse preziose.

Grazie a Lansweeper’s Network Discovery viene creato un inventario completo e aggiornato. Effettua la scansione di dispositivi Windows, Linux e MAC. Trova e organizza stampanti, router e switch e potete tenere traccia delle risorse non ancora installate o scollegate dalla rete. Effettua la discovery sulla vostra rete dei dispositivi SNMP per creare un inventario di rete dettagliato.

Inventario

Uno dei compiti più impegnativi per qualsiasi professionista dell’IT è tenere traccia di tutte le risorse IT, dove risiedono e chi le utilizza. È ora di smettere di affidarsi a fogli elettronici soggetti a errori. Affidarsi ai dati raccolti manualmente porta solo a informazioni obsolete. Lansweeper vi offre una panoramica completa e accurata di ciò che accade nella vostra rete, automatizzando completamente il vostro inventario di rete.

Tutto l’hardware, il software e gli utenti in un unico posto. Lansweeper consolida tutti i dettagli delle risorse in un sistema di registrazione centralizzato basato sul Web. Offre alle aziende una visibilità completa sui loro ambienti IT distribuiti, informandole di quali risorse possiedono, dove si trovano, chi le sta utilizzando e molto altro ancora. Facendo clic su un singolo record di risorse è possibile visualizzare tutte le informazioni granulari raccolte da Lansweeper.

I metodi di scansione multipli di Lansweeper offrono un controllo completo e consentono di scansionare ciò che si vuole, quando e come si vuole.

Con le reti che diventano sempre più mobili e complicate, alcuni asset diventano più difficili da raggiungere. Si pensi, ad esempio, ai computer portatili in viaggio o ai dispositivi in luoghi remoti. LsAgent è una piccola e leggera applicazione che raccoglie i dati localmente da dispositivi Windows, Mac e Linux e li invia a Lansweeper. È la risposta di Lansweeper all’aumento della mobilità e della complessità della rete e mantiene una visione d’insieme del vostro inventario di rete.

Traccia inoltre le risorse non ancora installate nella vostra rete o le risorse che sono state scollegate dalla rete a causa di sostituzione o riparazione. L’importazione manuale degli asset vi offre una panoramica completa di tutto l’inventario IT della vostra azienda. Una volta che le nuove apparecchiature sono state collegate alla rete e scansionate da Lansweeper, le informazioni aggiuntive dalla scansione vengono automaticamente aggiunte al vostro inventario di rete.

Analisi

Potete ottenere le risposte di cui avete bisogno in un attimo. Consente di visualizzare e analizzare facilmente tutti i dati raccolti utilizzando le dashboard.  Invece di navigare su più pagine, confrontate e analizzate individualmente i risultati o i dati in una semplice panoramica. Utilizzate le dashboard IT per ottenere rapidamente le informazioni più importanti.  Inoltre, sono presenti oltre 400 report pronti all’uso oppure potete creare report personalizzati in pochi minuti.

Con i report personalizzati forniti da Lansweeper otterrete ulteriori informazioni sullo stato delle patch, sull’esposizione alle vulnerabilità, sulla conformità alla sicurezza e altro ancora.

I report raccolgono informazioni specifiche sulla base di criteri in una comoda panoramica. Se invece esaminate i vostri asset uno per uno, i risultati dei vostri report vi mostrano una panoramica ordinata, ad esempio, di tutti gli asset che sono fuori garanzia, delle stampanti che stanno per esaurire il toner o degli amministratori non autorizzati sui vostri computer.

Grazie alla combinazione di dashboard e report dettagliati avrete una visione completa del vostro ambiente IT.

Fonte: Lansweeper

Il nuovo Ericom Application Isolator™ offre alle VPN e alle reti esistenti un semplice ed economico potenziamento della sicurezza Zero Trust

Il nuovo Ericom Application Isolator™ offre alle VPN e alle reti esistenti un semplice ed economico potenziamento della sicurezza Zero Trust

Occulta le applicazioni aziendali, isolandole da utenti non autorizzati per prevenire la diffusione di ransomware e altre minacce.

Ericom Software, leader nelle soluzioni di accesso sicuro al web e alle applicazioni, ha annunciato l’introduzione di Ericom Application Isolator, una nuova soluzione che si integra con le VPN esistenti e i firewall di nuova generazione per proteggere le applicazioni e i dati aziendali dai rischi alla sicurezza associati a troppi diritti di accesso all’interno della rete.

Il software Ericom Application Isolator è il modo semplice, economico e gratuito (per la versione standard) per aggiungere controlli di sicurezza Zero Trust Network Access (ZTNA) alle VPN e alle reti aziendali esistenti. Elimina il rischio di un accesso troppo ampio al sistema, limitando automaticamente l’accesso remoto e interno alle applicazioni e alle risorse solo a quanto richiesto dagli utenti dell’organizzazione. Oltre a imporre gli accessi con privilegi minimi, oscura anche le applicazioni agli utenti non autorizzati, isolandole così dagli attacchi. Poiché gli aggressori non possono vedere applicazioni, database e altre risorse sulla rete, non possono lanciare attacchi di tipo lateral movement . Questo approccio aiuta a fermare la diffusione del malware, come i nuovi ceppi di ransomware bloccanti e pericolosi che sembrano fare notizia quasi ogni giorno.

Ericom Application Isolator affronta i rischi per la sicurezza delle reti moderne e la realtà delle modalità di accesso e di utilizzo.  Le reti di oggi sono molto diverse da quelle di dieci anni fa. Le applicazioni sono distribuite tra i datacenter e il cloud, e gli utenti si aspettano un accesso continuo in qualsiasi momento da qualsiasi luogo e su qualsiasi dispositivo. I presupposti di fiducia basati sul perimetro, ormai superati, espongono le aziende in una situazione di rischio significativo. In ufficio, gli utenti connessi hanno accesso illimitato alla rete. Anche le VPN si “fidano” pienamente degli utenti remoti una volta che si collegano e garantiscono loro un accesso di rete ampio. Questa portata illimitata espone ampie superfici di attacco, consentendo una facile diffusione laterale quando un dispositivo connesso viene compromesso, rubato o smarrito.

Le chiusure e le restrizioni associate alla pandemia COVID-19 hanno creato problemi finanziari per molte aziende.  Anche quelle che non hanno subito un impatto immediato stanno congelando i budget e gli aggiornamenti di sicurezza pianificati a favore del mantenimento dei processi in corso e della sicurezza dei dipendenti. Con i progetti IT pianificati in attesa, le organizzazioni stanno invece raddoppiando le VPN esistenti per connettere la loro nuova forza lavoro a distanza alle applicazioni e ai dati di cui hanno bisogno – ed esponendo involontariamente le applicazioni e i dati nelle reti aziendali ad alti rischi.

Ci siamo resi conto che le reti e le VPN esistenti necessitavano di un semplice aggiornamento della sicurezza per affrontare questo rischio in modo efficiente e a basso – o nullo – costo per le organizzazioni. Il nostro obiettivo era quello di rendere le applicazioni e le risorse invisibili agli hacker se fossero riusciti a entrare in una rete, in modo che gli attacchi lateral movement siano impossibili. Questo aggiornamento doveva limitare l’accesso anche agli utenti autenticati, alle sole app specifiche che devono utilizzare, riducendo così il rischio di attacchi interni.

Ericom Application Isolator offre un modo semplice e a basso impatto di fornire alle VPN e alle reti aziendali esistenti sicurezza Zero Trust Network Access, una parte fondamentale del framework Secure Access Service Edge (SASE) di Gartner. Soprattutto, è progettato per funzionare con le principali VPN e NGFW di aziende come Cisco, Palo Alto Networks, Check Point, Fortinet, Fortinet, Forcepoint, OpenVPN e altre ancora, quindi non è necessario sostituire le apparecchiature esistenti.

Per aiutare le organizzazioni a migliorare immediatamente la sicurezza delle loro reti, Ericom offre una Standard Edition gratuita della soluzione Ericom Application Isolator.  Questa versione del software può essere scaricata qui, senza alcun obbligo. E’ disponibile anche l’Advanced Edition a basso costo che include caratteristiche e funzionalità aggiuntive, come l’automatizzazione del processo di definizione delle policy di accesso sicuro interno e remoto per utente, anche per organizzazioni con migliaia di utenti.

Vi invito a scaricare il software e a provarlo. Credo che troverete un modo potente per dare alla vostra rete un impulso Zero Trust Security e per sperimentare in prima persona quanto sia semplice da usare. Iniziate subito scaricando l’applicazione Ericom Application Isolator Standard Edition gratuita.

Fonte: Ericom Software – David Canellos – CEO | Ericom

Smart working: come trasformare lo spazio di lavoro in un digital workspace

Smart working: come trasformare lo spazio di lavoro in un digital workspace

Quali sono i pilastri per trasformare lo spazio di lavoro in un modern workspace? Cos’è e a cosa serve l’Unified Endpoint Management? Quali sono i 3 requisiti infrastrutturali che deve possedere un moderno digital workspace? Come riuscire a garantire un’employee experience di valore?

Il 99 per cento delle aziende esistenti alla fine del secolo scorso non è stato progettato per il mondo digitale, bensì per un’era in cui i mercati e le imprese si evolvevano molto lentamente. Ciò significa che molte delle competenze, degli strumenti e dei processi utilizzati a questo scopo si basano ancora su tecnologie che hanno al centro il PC desktop, nonostante oggi il digital workspace sia un argomento al centro della trasformazione digitale, soprattutto come sfida per CIO e IT.

In definitiva, i workflow di oggi non possono più essere gestiti con modelli organizzativi superati e tecnologie obsolete: occorre disegnare un workspace in cui innovazioni come cloud, SaaS e intelligenza artificiale contribuiscano a migliorare la user experience, rendendo i dipendenti più soddisfatti e, quindi, produttivi.

Questo white paper, fornito da VMware, spiega quali sono le prassi da seguire per abilitare il digital workspace. Proseguendo la lettura, saprete cosa fare per:

  • valutare i requisiti infrastrutturali necessari per abilitare il digital workspace
  • trasformare lo spazio di lavoro in un modern workspace
  • garantire un’employee experience di valore
  • abilitare un approccio globale alla sicurezza con secure access & compliance
  • personalizzare l’accesso ad applicazioni e dati in base ai processi e ai ruoli aziendali

Scarica gratuitamente il white paper: Smart working: come trasformare lo spazio di lavoro in un digital workspace.

Fonte: Redazione CORCOM – Network Digital 360

 

Trova e rimuovi il 30% dei costi di licenza nascosti

Trova e rimuovi il 30% dei costi di licenza nascosti

Breve storia del licensing per il software in cloud

Chiunque lavori nel settore informatico avrà notato la creatività senza limiti dei fornitori quando si tratta di tipi di licenze e strutture. Per utente, per dipendente, per CPU, per GB e così via. La maggior parte di questi hanno le loro radici nell’IT tradizionale on-premises. E poi è arrivato il cloud…….

A Saleforce si può probabilmente attribuire il merito di aver dato il via al mercato del cloud-software, a partire dall’anno 2000, con la loro affermazione “no software“. Molto è cambiato da allora e sempre più imprese cercano di supportare le loro esigenze di business con servizi cloud.

I modelli di licenza non sono cambiati

La maggior parte dei fornitori non è riuscita a cambiare il proprio modello di licenza, durante il porting del proprio software nel Cloud. Se il servizio nel Cloud è migliore per il cliente, perché non un modello di licenza altrettanto appropriato? Cosa intendo dire con questo:

Avete scelto una nuova applicazione e il rappresentante del fornitore vi chiede di quante licenze avrete bisogno. La vostra organizzazione impiega 5.000 persone, quindi andate a comprare la quantità necessaria per coprire tale esigenza, in anticipo per un anno ma più probabilmente per tre anni.

La mancanza di scalabilità

Il problema è che il modello non corrisponde in alcun modo alle vostre reali esigenze. Ciò di cui avete veramente bisogno è la flessibilità di aumentare e diminuire le quantità al variare delle esigenze organizzative. Ma prima di fare un passo avanti, diamo un’occhiata a quale sia la realtà per molti clienti oggi.

Nel corso di un anno, l’utilizzo di un sistema può essere influenzato da una serie di fattori. Che si tratti di ferie prolungate, congedi per malattia, dipendenti che entrano o escono dall’organizzazione, fusioni e dismissioni, o permessi a causa di una pandemia globale, tutti questi fattori avranno un impatto sull’utilizzo. Potremmo avere un grafico tipo questo:

I venditori ora diranno: “Beh, vedo che il numero massimo di utenti potrebbe essere di 5.000 in un dato mese!”, quindi dovrete acquistare 5.000 licenze. Questo tipo di contratto è visualizzato dalla linea nella grafica sottostante:

Perché concedere in licenza una soluzione SaaS nel modo in cui le licenze per mainframe sono state addebitate per decenni, pagando per i picchi e non per l’utilizzo effettivo? Per la maggior parte dell’anno si ha un eccesso di licenze. Questo è ottimo per il fornitore di software, anche se meno vantaggioso per voi  come cliente. Il grafico successivo mostra quanto possa essere scioccante questo fatto.

Nel tentativo di risparmiare un po’ di soldi, potreste prendere in considerazione la possibilità di abbassare il numero di licenze da ordinare. Sfortunatamente, vi trovate poi di fronte alla realtà di utenti bloccati durante i picchi, alle penalità per uso eccessivo o alla creazione di soluzioni alternative per evitare di superare il numero di utenti con licenza. Nessuna di queste opzioni è interessante.

Se doveste indagare sulla perdita dovuta al costo eccessivo  della licenza per la vostra organizzazione, potrebbe facilmente essere il 10-30% di quanto avete pagato per le licenze. Moltiplicatelo per i numerosi strumenti e prodotti utilizzati dai vostri team e vedrete quanto velocemente questo prosciughi il vostro budget.

Le licenze concorrenti potrebbero aiutare

I fornitori naturalmente sono ben consapevoli di questo problema e quindi molti offrono modelli di utenti concorrenti/floating. Anche se questo risolve alcuni problemi, non risolve l’over-licensing perché si deve ancora ordinare per i picchi di consumo.

E la cosa peggiora

Molti modelli di licenza richiedono che le licenze siano ordinate prima dell’inizio di un progetto. Inoltre, queste licenze sono spesso legate a un determinato periodo di tempo. Se il vostro progetto dovesse subire dei ritardi, la perdita di valore per le licenze non utilizzate colpirebbe i vostri profitti in modo ancora più aggressivo. Con solo una manciata di licenze utilizzate durante l’implementazione, perderete denaro senza rendervi conto di alcun valore fino a quando la vostra organizzazione non massimizzerà l’utilizzo delle licenze.

I produttori di software come AWS e Microsoft Azure hanno permesso ai fornitori di software di scalare la loro infrastruttura su e giù a seconda dell’uso effettivo. È giunto il momento che i fornitori di software trasmettano un po’ di questa flessibilità ai loro clienti.

Il modo giusto

I fornitori SaaS che vogliono offrire un modello di licenza più flessibile dovrebbero riconsiderare il prezzo dei loro prodotti. Le aziende innovative nel Cloud spesso offrono al cliente le seguenti opzioni:

  • Pay-As-You-Go

Pagate l’utilizzo effettivo solo alla fine di ogni periodo di fatturazione. Di solito, questo significa anche un costo di licenza leggermente più alto, a causa del maggiore impegno richiesto per l’invio e la riscossione dei pagamenti mensili. Ma questo dà ai clienti la libertà di aumentare e diminuire come ritengono opportuno e non sono impegnati in un contratto a lungo termine.

  • Crediti per servizi prepagati

Per godere di prezzi più vantaggiosi, le organizzazioni possono acquistare in quantità e utilizzare le licenze nel tempo in base ai propri bisogni e senza timore della scadenza della licenza o di aumenti di prezzo. Le esigenze della vostra azienda determinano quante licenze dal vostro pool prepagato di crediti del servizio vengono consumate nel tempo.

La vostra nuova realtà potrebbe essere così:

Sembra migliore, non è vero?

L’argomento delle licenze è importante per me non solo come CEO di 4me alla ricerca di più modi per superare in astuzia i nostri concorrenti, ma è importante anche per me come acquirente di SaaS. Tutti i servizi applicativi che utilizziamo internamente sono ottenuti come servizio e speravo che i nostri fornitori SaaS offrissero modelli di prezzo simili a quelli che offriamo ai nostri clienti.

Se desiderate alcuni suggerimenti concreti su come negoziare i contratti SaaS, vi invito a leggere un articolo che abbiamo pubblicato l’anno scorso su questo argomento: 4 Tips for Purchasing Managers.

—–

Chi sono?

Mi chiamo Cor Winkler Prins, sono l’amministratore delegato e co-fondatore di 4me. Lavoro nel settore del service management da più di 20 anni. In 4me crediamo sia il nostro ruolo portare la gestione dei servizi aziendali a un livello superiore. Per fare questo, cerchiamo costantemente modi per rimuovere la complessità, il che consente ai nostri clienti di liberare le risorse necessarie per migliorare la loro gestione dei servizi.

 

Fonte: Linkedin Cor Winkler Prins CEO at 4me

JMA ha scelto 4me grazie all’integrazione con altri strumenti e alla rapida velocità di sviluppo.

JMA ha scelto 4me grazie all’integrazione con altri strumenti e alla rapida velocità di sviluppo.

“4me è un salto nel futuro! È veloce, semplice e facile da usare, con grande integrazione e capacità di espansione futura. Il nostro obiettivo è di essere customer-oriented come 4me”. Matteo Balducci, Value Added Services Manager, JMA Wireless

Informazioni sul cliente

JMA Wireless progetta e costruisce sistemi di comunicazione di nuova generazione, fornendo le tecnologie più potenti del settore che consentono di utilizzare le reti 4G LTE, 5G, CBRS e LAA in tutto il mondo.

Motivo della valutazione

Quando JMA ha introdotto il software XRAN™, aveva bisogno di impostare un servizio 24/7. La sfida era quella di gestire numerosi contratti, con diversi SLA, per i numerosi clienti JMA situati in diversi fusi orari. JMA ha preso in considerazione BMC Remedy e Zendesk, ma ha scelto 4me perché l’integrazione con altri strumenti e la velocità di sviluppo era molto buona.

Risultati

JMA è ora in grado di supportare i propri clienti ovunque e in qualsiasi modo essi lo desiderino.

Le apparecchiature JMA sono spesso installate in luoghi difficili da raggiungere. Matteo Balducci, Value Added Services Manager di JMA Wireless, afferma che l’applicazione mobile di 4me per iOS e Android ha davvero aiutato i clienti ad ottenere supporto tramite il loro cellulare e a inviare fotografie da valutare. Anche l’integrazione della posta elettronica supportata da 4me è stata molto preziosa in quanto alcuni clienti preferiscono utilizzare questo strumento per chiedere supporto.

“4me ha soddisfatto la nostra esigenza, dandoci una piattaforma unica in grado di raccogliere tutte le richieste ordinate automaticamente per priorità. Abbiamo ottenuto un livello di supporto più efficiente, legato alla capacità di tracciare tutte le richieste dei nostri clienti e dei loro SLA”. Matteo Balducci, JMA Wireless.

Download “4me success story jma wireless” 4me-success-story_jma-wireless-en.pdf – Scaricato 16 volte – 1 MB

Fonte: 4me

Wandera abilita una strategia di sicurezza unificata per i clienti di VMware Workspace ONE

Wandera abilita una strategia di sicurezza unificata per i clienti di VMware Workspace ONE

Integrazione del Threat Event Stream di Wandera in Workspace ONE Intelligence per centralizzare le informazioni sulla sicurezza e ottimizzare la gestione dello spazio di lavoro digitale.

Con ogni nuova tecnologia adottata dalle aziende, il team dedicato alla sicurezza deve capire come proteggerle. Le recenti ondate di trasformazione digitale hanno portato ad un numero ancora maggiore di asset aziendali da proteggere e di strumenti di sicurezza di nicchia da gestire.

Non è raro che venga gestita una suite di strumenti disparati che aiutano a proteggere diversi asset all’interno dell’azienda. Ma gli stessi team ritengono che la gestione di più dashboard di sicurezza non sia sostenibile.

Un sondaggio di Forrester ha rilevato che il 55% delle aziende dichiara di avere 20 o più strumenti di sicurezza, e che il 70% di questi strumenti manca di una piena integrazione. Questo dato è rafforzato da un’indagine di IDC che ha rilevato che il 52% delle aziende ha difficoltà a integrare soluzioni di sicurezza disparate.

Wandera Threat Events Stream + Workspace ONE Intelligence (1+1=3)

Per affrontare questo problema, Wandera e VMware Workspace ONE offrono ora una soluzione di sicurezza aziendale completa e moderna che semplifica la sicurezza in tutto lo spazio di lavoro digitale.

L’integrazione di Wandera con Workspace ONE Intelligence consente all’IT di utilizzare le informazioni relative ai dati sulle minacce di Wandera in un’unica console e di incorporarle in una sola policy robusta che migliora la sicurezza su tutti i dispositivi.

Il Threat Events Stream di Wandera è configurato per inviare dati relativi alla sicurezza, come  rilevamenti di phishing o malware, in tempo reale a VMware Workspace ONE Intelligence. Workspace ONE Intelligence raccoglie i dati sulle minacce di Wandera insieme ad altre informazioni sulla sicurezza e fornisce dashboard centralizzate, reportistica e automazione delle risposte.

Stabilire difese a più livelli

Una sicurezza efficace si ottiene spesso attraverso una difesa a più livelli. Questo è il motivo per cui Wandera è spesso stratificata sulle basi di uno spazio di lavoro digitale ben gestito. Una solida difesa contro le minacce, una politica dei dati in tempo reale e l’accesso zero trust alla rete sono servizi che completano le basi stabilite da un livello di gestione efficace.

Wandera e VMware collaborano da anni sulle integrazioni che semplificano l’implementazione di suite di sicurezza e gestione degli endpoint, tra cui la tecnologia zero-touch che elimina la necessità per gli utenti finali di “accettare” o di intraprendere qualsiasi azione per registrare i dispositivi protetti. Questa integrazione supporta il Device Enrollment Program di Apple, il che significa che i dispositivi vengono spediti dagli stabilimenti Apple pronti per essere gestiti da VMware Workspace ONE e protetti da Wandera Security Cloud – sicurezza fin da subito!

La partnership e l’integrazione di lunga data di Wandera con VMware ha portato benefici a migliaia di organizzazioni in tutto il mondo per offrire loro un’opzione semplificata per gestire e proteggere i dispositivi mobili. Wandera è stato anche uno dei membri fondatori della VMware Mobile Security Alliance, in cui gli operatori del settore condividono le informazioni sulle minacce informatiche. Quindi questa nuova integrazione con Workspace ONE Intelligence è una naturale evoluzione della partnership.

Le aziende beneficiano di questa partnership di lunga data

“At Campari, we use VMware Workspace ONE for device management and Wandera Data Policy to control our mobile data usage. The Cloud API integration is very simple to configure including the deployment of Wandera’s app and traffic routing profile over-the-air to our mobile endpoints without the need for our end users to install anything. We’ve seen a strong ROI from using the products together due to data cost savings and simple, integrated mobility management”
– Marco Mirelli, Country IT Manager at Campari Group

“We have been using Workspace ONE for many years now to manage our mobile endpoints and are satisfied with its features. However, network threats and malicious applications have always been a worry. With the introduction of Wandera, we took the endpoint security to a whole new level and closed the circle, extending the endpoint security provided by Workspace ONE with network-related risk protection and mobile threats coming from malicious apps, which are ever-increasing in the mobile world”
– Dario Campolo, Global Head of Mobility at CNH Industrial

“Both solutions are great. We were asked by leadership to look at Intune but following a detailed analysis we concluded it doesn’t match what we have with Wandera + Workspace ONE especially regarding remote access to private apps on unmanaged devices, content filtering for managed devices and dynamic app scoring to meet our app vetting process”
– Jim Bryant, MDM Engineer at Santander

“Wandera enables secure Internet access for all of our remote users wherever they connect while we leverage VMware Workspace ONE to manage our endpoints. The two solutions integrate seamlessly via Cloud APIs which means we have all the necessary device, app and traffic controls for secure and cost-effective remote working in one integrated technology stack with shared intelligence and linked policy actions between the two systems”
– Chief Information Security Officer at Pluspetrol

Threat Event Stream di Wandera

Abbiamo sviluppato API per integrare facilmente le informazioni sulle minacce e i dati relativi alle attività di sicurezza di Wandera con altri strumenti di sicurezza. I clienti Wandera possono ora visualizzare tutti i loro eventi relativi alle minacce da un unico pannello – la console di VMware Workspace ONE Intelligence – e utilizzare questa vista centralizzata per automatizzare le risposte e adottare misure immediate quando viene rilevata qualsiasi attività dannosa o comportamento indesiderato.

La visibilità su tutti gli endpoint è necessaria per comprendere i modelli di business per determinare se vi è un attacco o una campagna mirata contro la vostra organizzazione. Gli avvisi in tempo reale possono essere trasmessi su un’unica dashboard per consentire agli amministratori di analizzare facilmente gli incidenti.

Le azioni automatiche delle policy possono essere attivate in modo dinamico, eliminando la minaccia nel momento in cui viene rilevata. Il Threat Event Stream può migliorare la vostra posizione sulla sicurezza e contribuire a garantire la conformità della vostra azienda”.

Ulteriori informazioni sull’integrazione sono disponibili sul blog VMware.

Fonte: Wandera