Lavoro da remoto sicuro – come Ericom sta gestendo la mia nuova normalità

Lavoro da remoto sicuro – come Ericom sta gestendo la mia nuova normalità

Come molti di voi, ho adattato il mio stile di vita per affrontare la nuova realtà dovuta all’epidemia di Coronavirus. Non sono in preda al panico, ma sto impiegando misure prudenti per rimanere al tempo stesso sicuro e produttivo, e chiedo ai miei cari di fare lo stesso.  In un settore, però, ho avuto un vantaggio:  sono un lavoratore a distanza da quasi un anno ormai, per un’azienda che produce prodotti per l’accesso remoto sicuro. Quindi, quando si tratta di sapere quali soluzioni funzionano per il lavoro da remoto, non c’è niente di meglio che chiedere a me!

Ho la fortuna di essere abbastanza ben collegato in rete nell’area di Washington DC, e nel più ampio settore della tecnologia della sicurezza informatica.  Di conseguenza sono stato in grado di aiutare amici e contatti, sia nelle grandi aziende che nelle piccole, a sfruttare le soluzioni Ericom per il passaggio dei loro utenti agli ambienti di lavoro da remoto. Nella speranza che alcune delle mie indicazioni possano esservi utili, ecco alcune soluzioni chiave del portfolio Ericom che si sono dimostrate utili e che hanno permesso loro di introdurre rapidamente programmi di lavoro da remoto:

Ericom AccessNow – Uso questo prodotto tutti i giorni e lo amo assolutamente. Il nostro team IT me lo ha fatto usare il mio primo giorno in Ericom.  In poche parole, fornisce un accesso RDP basato su browser, da qualsiasi dispositivo con un browser compatibile HTML5, anche da Chromebooks.  Lo uso per accedere alle applicazioni aziendali Windows-based di cui ho bisogno, ma può essere utilizzato per accedere ai desktop Windows (virtuali e fisici), che girano su piattaforme Windows Terminal Services/RDS/VDI, compresi Microsoft Hyper-V e altri hypervisor. Non c’è nessun client da installare. Voglio dire niente… niente Flash, Silverlight, ActiveX, ecc. I team IT sono stupiti di quanto sia semplice da implementare e del livello di accesso ai desktop e di controllo che fornisce agli utenti, indipendentemente da dove si trovino.  Per maggiori informazioni premere qui.

Ericom Connect – Per le aziende che necessitano di una soluzione con più controllo amministrativo, integrazione del sistema di autenticazione, monitoraggio e così via, segnalo  Ericom Connect. Come AccessNow, Connect è un’applicazione remota e una soluzione di accesso al desktop, ma ha maggiori controlli che le imprese più grandi cercano, insieme all’enorme scalabilità che richiedono. Infatti, un singolo server Ericom Connect può supportare fino a 100.000 utenti simultanei, eliminando la necessità di implementazioni multiple. È 100% web-based, il che lo rende facile da usare per i dipendenti. Anche la gestione amministrativa è accessibile da qualsiasi web browser.  Per maggiori informazioni premere qui.

Ericom Shield – Molte imprese sono preoccupate per il loro nuovo esercito di lavoratori da remoto che si recano sul web attraverso reti personali, WIFI da pubblici esercizi e altre reti non sicure. Prevedono che l’accesso al web da reti non aziendali potrebbe arrivare fino al 70-80% del loro traffico web. E poiché tale traffico non verrà instradato attraverso  filtri di rete, controlli e  prevenzione del phishing, temono che gli endpoint possano essere infettati da malware web-based. Capiscono che una volta che ciò accade, il malware può spostarsi all’interno della rete aziendale quando l’utente si ricollega.  È qui che la soluzione di isolamento remoto del browser, Ericom Shield, può essere d’aiuto. Sia che gli utenti navighino su un sito maligno in modo indipendente o che ne raggiungano uno cliccando su un URL apparentemente innocuo incorporato in un’e-mail di phishing, Ericom Shield garantisce la loro sicurezza, poiché i contenuti web non vengono mai eseguiti sull’endpoint. Solo un flusso interattivo che rappresenta il sito web viene inviato al browser del dispositivo, fornendo un’esperienza utente sicura, senza soluzione di continuità e completamente interattiva. La tecnologia di isolamento del browser di Ericom Shield è in grado di rendere i siti in modalità di sola lettura per impedire agli utenti di inserire le credenziali,  fornendo un’ulteriore protezione dal phishing. Gli allegati dei file vengono igienizzati prima di essere trasmessi agli endpoint, garantendo che il malware all’interno dei download non possa infettare i dispositivi dell’utente finale. Per maggiori informazioni premere qui.

Spero che questa rapida panoramica sia utile a molti di voi. Auguro a voi e ai vostri lavoratori da remoto la stessa esperienza produttiva e sicura che ho avuto durante il mio ultimo anno in Ericom.

Fonte: Ericom Software – Autore Gerry Grealish Chief Marketing Officer 

Isolamento del browser: come il Remote Browser Isolation protegge l’organizzazione

Isolamento del browser: come il Remote Browser Isolation protegge l’organizzazione

Come professionisti della sicurezza, avete lavorato duramente per proteggere la vostra organizzazione dalle minacce basate sul Web, proteggendo la vostra rete con firewall, filtri URL e software antivirus. Avete istruito bene i vostri utenti: sanno come non cadere nelle più comuni truffe di phishing.

Ma naturalmente, sapete che non è sufficiente. Un clic da parte di un utente su un sito Web dannoso, non ancora classificato, o una minaccia appena creata, potrebbero far entrare tutta una serie di ransomware e malware nell’organizzazione. Considerate l’impatto dei vostri dati sensibili nelle mani sbagliate. Pensate al tempo e ai costi necessari per ripristinare il funzionamento dei vostri sistemi.

Siamo tutti a rischio

Ogni giorno che passa, gli hacker diventano più intelligenti e sviluppano minacce sempre più avanzate. Oggi, è più facile che mai per gli utenti toccare erroneamente un link dannoso e consentire ad una minaccia silenziosa di entrare sul loro endpoint, e da lì, penetrare nella rete della propria organizzazione.

Metodi come lo spear phishing sono particolarmente efficaci nel prendere di mira individui specifici, ingannandoli a scaricare malware attraverso sofisticate tecniche di social engineering. E i software antivirus, i firewall? Usano la protezione basata sulle firme che rileva efficacemente le minacce note. Ma il più delle volte le minacce più recenti, più grandi e ancora sconosciute possono passare inosservate. E sono queste nuove minacce, non rilevabili, a presentare il rischio maggiore.

Insieme alle tradizionali misure di sicurezza Web tutt’altro che invincibili, sono necessarie ulteriori misure  per proteggersi dalle più insidiose minacce sconosciute che semplicemente non vengono rilevate. Diamo un’occhiata al Browser Isolation, un tipo relativamente nuovo di soluzione di sicurezza che Gartner, il principale analista tecnologico e società di consulenza, raccomanda per proteggere la vostra organizzazione da potenti minacce basate sul Web.

Il meccanismo di isolamento del browser

Le soluzioni di isolamento del browser come Ericom Shield utilizzano un approccio basato sulla prevenzione per bloccare le minacce che colpiscono gli endpoint. Invece di fare affidamento sulla capacità di identificare e bloccare solo le minacce conosciute utilizzando tecniche basate sulla firma, impedisce a tutti i malware, anche i malware zero-day, di ottenere l’accesso ai dispositivi, quindi nessuna minaccia basata sul web potrà mai raggiungere la rete.

Analizziamo un po’ più a fondo e osserviamo esattamente come funziona l’isolamento del browser:

  1. Quando un utente apre un browser o naviga verso un sito, viene creato un browser virtuale dedicato e isolato. Tutto il codice attivo dal sito viene eseguito dal browser virtuale, inclusi i Javascript, i  CSS, i collegamenti esterni e le minacce potenzialmente dannose. Alcune soluzioni di isolamento del browser individuano i browser virtuali in una macchina virtuale sull’endpoint dell’utente. Questo approccio locale comporta tuttavia il rischio di perdite. Altre soluzioni localizzano i browser virtuali in remoto all’interno dei container, sia on premises nella rete DMZ, sia completamente al di fuori della rete, nel cloud. L’isolamento remoto del browser offre la migliore protezione in quanto riduce al minimo il rischio di contaminazione da malware.
  2. La soluzione di isolamento del browser virtuale rappresenta il sito come un flusso multimediale interattivo pulito privo di codice attivo. Il flusso viene consegnato all’endpoint dell’utente in tempo reale, fornendo (nelle migliori soluzioni) un’esperienza di navigazione completamente fluida e interattiva. Alcune soluzioni di isolamento del browser richiedono agli utenti di navigare solo con il browser proprietario della soluzione, mentre altre funzionano con qualsiasi browser standard, un vantaggio enorme.
  3. Al termine della sessione di navigazione dell’utente, il browser virtuale e / o il contenitore vengono completamente distrutti, insieme a tutto il contenuto attivo del sito, comprese eventuali minacce dannose. Quando viene avviata una nuova sessione di navigazione, il processo viene riavviato. Le soluzioni più sofisticate di isolamento del browser portano questo approccio a un altro livello aprendo ogni scheda del browser nel proprio nuovo browser virtuale, nel proprio contenitore isolato remoto per prevenire perdite e attacchi di cross site scripting  (XSS).

Alcune soluzioni di isolamento del browser forniscono anche protezione contro le minacce basate sulla posta elettronica, un vettore popolare per attacchi dannosi. Ecco come funziona questo meccanismo: i link all’interno delle email vengono aperti allo stesso modo dei siti Web visitati. Alcune soluzioni possono offrire un ulteriore livello di protezione consentendo l’apertura di siti Web non classificati da URL incorporati nella posta elettronica in modalità di “sola lettura”, in modo che gli utenti ignari siano protetti dalla divulgazione di credenziali personali su potenziali siti di phishing.

Quando si tratta di minacce nascoste negli allegati offerti per il download, un’efficace soluzione di isolamento del browser vi coprirà con la tecnologia CDR (Content Disarm and Reconstruction) integrata, che igienizza ogni file prima che venga scaricato in modo che gli utenti siano al sicuro dal rischio di infezione.

Nel complesso, un meccanismo di isolamento del browser ben progettato fornisce una protezione completa dalle minacce basate sul Web. Le migliori soluzioni hanno anche un impatto positivo sulla produttività, poiché gli utenti possono navigare in sicurezza su siti non classificati che altrimenti verrebbero vietati. In questo modo le spese generali IT per il controllo dei siti e la autorizzazioni di eccezioni vengono notevolmente ridotte. Le soluzioni senza client eliminano il tempo e gli sforzi che sarebbero altrimenti necessari per scaricare e aggiornare singolarmente il software per ogni dispositivo.

Mantieni la calma e vai avanti [navigando]

Ora che sapete come funziona l’isolamento del browser, è chiaro come esso si distingue nel proteggere la vostra organizzazione da tutte le minacce basate sul Web. In conclusione: con una potente soluzione RBI come Ericom Shield, le minacce sono tenute lontane dagli endpoint e dalle reti della vostra organizzazione, mentre i vostri utenti sono liberi di navigare sul Web per svolgere il proprio lavoro. Sotto molti aspetti, fornisce il perfetto equilibrio tra sicurezza e produttività dell’utente.

Fonte: Ericom Software

Cigni neri: prepararsi alle minacce ignote

Cigni neri: prepararsi alle minacce ignote

Teoria del cigno nero:

Definizione: è una metafora che rappresenta un evento improbabile e che risponde ai seguenti criteri:

  • Non può essere previsto
  • Porta con sé un grande impatto organizzativo
  • Una volta che si è verificato si cerca di razionalizzarlo solo a posteriori.

La teoria del cigno nero è qualcosa per cui non ci sono precedenti, rendendo la pianificazione quasi impossibile. Gli attacchi dell’11 settembre, la crisi del mercato immobiliare del 2008 e il disastro nucleare di Fukushima dovuto al terremoto/tsunami del 2011 in Giappone sono tutti esempi di recenti eventi di cigno nero che colpiscono tutti, dalle organizzazioni agli individui. Nessuno era preparato ad affrontare questi eventi o le loro ricadute.

Gli eventi più critici, di portata mondiale, possono essere visti come cigni neri. Nassim Nicholas Taleb, autore di The Black Swan, afferma che “un piccolo numero di cigni neri sia alla radice di ogni sconvolgimento della storia e sia in grado di spiegare quasi tutto il nostro mondo”. “Secondo Taleb, il “normale” è molto spesso irrilevante. È qui che le organizzazioni tendono a concentrare le energie perché è qui che hanno gli strumenti per prepararsi. Ma non riescono a prepararsi per i valori anomali, principalmente perché questi scenari non possono essere previsti o pianificati.

Fatti ignoti che non sappiamo (unknown unknowns)

Nella sicurezza – sia militare che informatica – abbiamo un concetto simile, quello di “ unknown unknowns “. Sebbene vi siano minime differenze di significato, l’idea alla base di entrambe è che questi sono eventi che alterano la vita / situazione che la “vittima” non ha previsto, né avrebbe potuto prevedere. Quando si tratta di incognite sconosciute, siamo nella proverbiale oscurità; non sappiamo nulla su come prepararci per questi eventi o quando potrebbero accadere, lasciandoci alla mercé dei nostri avversari.

Cryptojacking è un ottimo esempio. Prima che diventasse un exploit comune, sarebbe stato difficile affermare che un giorno, in futuro, gli aggressori avrebbero potuto cercare di rubare la potenza della CPU su Internet per estrarre bitcoin. In questo modo, le vittime sono state lasciate indifese contro il furto della CPU quando sono iniziati gli attacchi. Eppure, proprio con il senno di poi, criptare ora sembra il risultato logico di rapido aumento dei valori delle valute virtuali.

Proteggersi dal “normale”

Invece di concentrarsi su incognite sconosciute, in genere proteggiamo le reti contro minacce “normali” più comuni – i “fatti conosciuti” e “fatti conosciuti ma a noi sconosciuti”.

I “fatti conosciuti” come vengono chiamati sono le minacce più basilari. Quando la rete era agli inizi, minacce come worm e virus affliggevano le organizzazioni. I firewall sono stati progettati per filtrare elementi noti per essere dannosi e sono diventati uno strumento indispensabile per proteggere i dati. Insieme a soluzioni antivirus (AV), hanno formato un forte strato di base di protezione perimetrale contro malware noti. Con i fatti conosciuti, gli analisti sapevano cosa cercare e come difendersi da loro.

Ma con il progredire della tecnologia, la complessità e il numero di minacce aumentarono rapidamente. Vedendo che i firewall erano in grado di catturare minacce poco complesse, gli sviluppatori di malware iniziarono a creare nuove minacce sofisticate, più difficili da rilevare. Gli analisti hanno iniziato a incorporare strumenti più avanzati come sandbox e filtri URL. Questi strumenti hanno familiarità con questo tipo di minaccia “conosciuta, ma sconosciuta”; potrebbero non riconoscerle pienamente, ma ne sanno abbastanza da diffidare del profilo generale e possono fornire un livello di protezione.

Cigni neri e minacce irriconoscibili

Oggi ci troviamo di fronte a varianti molto più sofisticate e sfuggenti: questi sono i cigni neri delle minacce informatiche; le incognite sconosciute che le organizzazioni non possono prevedere e quindi, apparentemente, contro cui non possono armarsi. Oggi Internet è incontrollato, con minacce mai viste in rapida evoluzione e irriconoscibili. Approcci tradizionali euristici e basati sulla firma che, come detto sopra, dipendono dal riconoscimento del modello di minaccia, sono impotenti a sconfiggere queste varianti altamente complesse. Queste minacce sconosciute possono oltrepassare AV, sistemi di rilevamento / prevenzione delle intrusioni, filtri di rete e, ovviamente, firewall.

Prevenire il prossimo evento con la navigazione remota isolata

Se è impossibile prevenire o rilevare minacce sconosciute, che cosa può essere fatto per impedire loro di entrare nelle reti e creare danni all’organizzazione?

La verità è che non c’è nulla che un individuo o un’organizzazione possa fare per impedire che incognite sconosciute accadano. Inoltre, l’attenzione non dovrebbe essere quella di cercare di rendere conto di ogni evento di cigno nero / incognita sconosciuta che potrebbe verificarsi – non c’è il tempo, non è economicamente vantaggioso e comunque non funzionerà.

Invece, le organizzazioni hanno bisogno di un approccio che sia proattivo e non dipenda dal riconoscimento delle minacce. Con la navigazione remota isolata, nessun codice eseguibile trasmesso da browser raggiungerà mai le reti o i dispositivi dei dipendenti, quindi la tua organizzazione è protetta da tutte le minacce: note, sconosciute ma note e persino incognite sconosciute.

Lo fa eseguendo tutto il codice in un contenitore monouso isolato, situato in cloud o nella DMZ, lontano dall’end point e dalle reti. Un flusso di dati pulito consente all’utente di interagire con qualsiasi sito Web di cui ha bisogno, senza la minaccia di varianti malware sconosciute. Quindi, quando la sessione è finita o l’utente interrompe la navigazione, il contenitore viene eliminato insieme a tutti i suoi contenuti. Qualsiasi cosa malevola, anche gli zero-day exploit, che potrebbero essersi introdotti in quella sessione di navigazione vengono gettati via e distrutti.

Ci saranno sempre minacce basate su browser che semplicemente non possono essere anticipate. Gli aggressori hanno già appreso che queste incognite sconosciute sono gli strumenti più potenti nel loro arsenale e ci sono buone possibilità che le minacce irriconoscibili diventino meno prevedibili col passare del tempo. Ecco perché la migliore forma di protezione è quella che non ha bisogno di “sapere” nulla su un exploit per impedirgli di danneggiare le tue reti.

 

Fonte: Ericom Software

Pensi che la sicurezza informatica non sia un tuo problema? Ripensaci……

Pensi che la sicurezza informatica non sia un tuo problema? Ripensaci……

Secondo il nostro recente sondaggio tra i professionisti IT e della sicurezza, quasi un terzo delle organizzazioni intervistate sono state vittime di un attacco informatico. Di questi, il 13% ha riportato un impatto finanziario di oltre $ 5 milioni e il 20% ha stimato l’impatto tra $ 1 milione – $ 5 milioni.

Quando una violazione colpisce un’organizzazione, le conseguenze possono essere enormi per tutti i dipendenti, non solo per il personale dell’IT e della sicurezza. Quando le notizie di un attacco diventano pubbliche, i clienti perdono fiducia e possono sospendere gli account o passare ai concorrenti, causando un calo significativo delle vendite. Se i dati dei clienti sono piratati, le aziende spesso devono affrontare costose azioni legali. La reputazione del marchio subisce un danno. E, naturalmente, gli sforzi per recuperarla non sono economici.
E mentre i manager potrebbero essere tagliati a seguito di una grave violazione, i posti di lavoro dei dipendenti – o almeno aumenti e bonus – hanno maggiori probabilità di essere persi a causa di un crollo degli utili innescato da un attacco.

Allora, cosa fare? I web browser su tutti i dispositivi utente sono gateway penetrabili attraverso cui il malware può entrare e da cui si diffonde rapidamente in tutta l’organizzazione. Tutto ciò che serve è un dispositivo infetto. Tuttavia non possiamo più passare neanche un giorno di lavoro – in realtà, a malapena un’ora – senza usare Internet per svolgere le attività aziendali.

Le soluzioni antivirus e i firewall offrono una certa protezione ma non è sufficiente.

Scopri la nuova soluzione di sicurezza che sta salvando le aziende di tutto il mondo da attacchi di malware, ransomware e cryptojacking. Guarda il video qui sotto per conoscere Ericom Shield, una nuova eccitante soluzione di isolamento remoto del browser che consente agli utenti di navigare liberamente e in sicurezza.

 

Diventa un eroe della sicurezza informatica per la tua organizzazione – condividi subito le notizie su Ericom Shield con il team IT o della sicurezza della tua azienda!

 

Fonte: Ericom Software