Tornano le tariffe per il roaming. Ecco cosa bisogna sapere.

Tornano le tariffe per il roaming. Ecco cosa bisogna sapere.

Tornano le tariffe per il roaming. Ecco cosa bisogna sapere.

Le tariffe di roaming sono tornate! Con le restrizioni che si attenuano, i programmi di vaccinazione e i paesi che ricevono il via libera per viaggiare, le tariffe di roaming sono all’orizzonte.

Dal 2017, abbiamo potuto godere di tariffe telefoniche nazionali quando viaggiavamo nell’UE. Poi c’è stata la Brexit e questa garanzia è scomparsa. L’articolo 181 del Brexit Trade tratta specificamente il “roaming mobile internazionale” in cui afferma che:

“The Parties shall endeavor to cooperate on promoting transparent and reasonable rates for international mobile roaming services in ways that can help promote the growth of trade among the Parties and enhance consumer welfare.”

EE è stata la prima ad annunciare i piani per reintrodurre le tariffe di roaming da gennaio 2022. Tre, O2 e Vodafone stanno seguendo l’esempio.

La gestione delle chiamate, dell’invio di testi e dell’utilizzo dei dati sarà di nuovo una sfida per le aziende, e assicurarsi che i dipendenti siano in grado di essere mobili a livello internazionale senza accumulare enormi bollette per lo streaming di Netflix sarà importante per prevenire lo shock delle bollette. La mobilità internazionale è destinata a crescere, soprattutto alla luce delle nuove tendenze di gestione della forza lavoro che si sono materializzate dal COVID.

Lavoro da qualsiasi luogo

La pandemia ha inaugurato una nuova era di lavoro flessibile, alcune aziende stanno permettendo 2-3 giorni di lavoro in remoto, mentre altre offrono accordi di remote-first e lavoro da qualsiasi luogo. In entrambi i casi, un maggior numero di dipendenti che lavorano oltre l’ufficio introdurrà nuovi modelli di mobilità.

I dipendenti avranno la possibilità di prendere un volo del mercoledì per Stoccolma e lavorare all’estero per ottenere il massimo da una pausa in città. In alternativa, i dipendenti possono trasferirsi all’estero. Alcune località hanno offerto incentivi come somme di denaro una tantum, mountain bike e servizi gratuiti. L’ufficio sta diventando meno focalizzato sul modo in cui operano le aziende e i dipendenti stanno diventando più nomadi, il che crea una maggiore esposizione alle tariffe di roaming.

Vite personali e lavorative non distinte

Anche se ci piacerebbe credere che i dipendenti usino i dispositivi forniti dall’azienda solo per il lavoro, non è così. Lavorare da casa ha creato una confusione tra la vita personale e quella lavorativa, tanto che esiste un’iniziativa dell’UE chiamata “diritto alla disconnessione” per aiutare i dipendenti a disconnettersi.

Quando si viaggia all’estero, la tentazione può essere quella di utilizzare il piano dati aziendale per il consumo personale, in particolare quando c’è un costo da sostenere e quando ci si aspetta di essere “disponibili” nonostante si sia in viaggio.

Ripresa dei viaggi di lavoro

Nel Business and Industry Economic Outlook Survey di AICPA, il 34% degli intervistati ha dichiarato di essere già tornato ai livelli di viaggi pre-pandemia o di avere intenzione di farlo entro la fine dell’anno. Per quanto ci siamo affidati a Zoom per avvicinare i dipendenti, i clienti e i partner, ci sono alcuni compiti che funzionano meglio di persona.

Le aziende devono essere in grado di dettare ciò che costituisce un uso accettabile sui piani di dati. La definizione di uso accettabile di ogni organizzazione varierà, alcuni saranno puramente aziendali, altri permetteranno un certo grado di uso personale, altri vorranno solo bloccare le categorie di contenuti rischiosi.

Lo scenario remote-first che abbiamo sopportato per più di un anno ha insegnato alle organizzazioni di tutte le dimensioni che è necessario investire nell’infrastruttura digitale, per assicurarsi che l’esperienza remota sia senza ostacoli e sicura, ma anche conveniente.

Fonte: Wandera

.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.