Snow mette a disposizione uno strumento on line di SAM Assessment. Provatelo subito!

Snow mette a disposizione uno strumento on line di SAM Assessment. Provatelo subito!

Avete bisogno di una visibilità completa di tutto il vostro software? Utile, superfluo o senza licenza; a meno che non si conosca lo stato del software e dei servizi cloud, si rischia di sprecare denaro o di avere una brutta sorpresa quando si viene sottoposti ad un audit. E che dire di tutta la tecnologia non riconosciuta che viene distribuita fuori dal controllo dell’IT? Come garantite la conformità e la sicurezza di software che non potete vedere? Tenere sotto controllo le risorse software è la chiave per ottenere una migliore ottimizzazione dei costi, dell’utilizzo e della conformità. Scoprite quali sono i passi consigliati da Snow per rafforzare le vostre capacità di software asset management utilizzando questo semplice modulo di valutazione.

Dedicate qualche minuto ad effettuare questo assessment, si otterrà una dashboard immediata delle prestazioni e sarà possibile richiedere un executive report.

Inizia la valutazione!

 

Fonte: Snow Software

Che cosa significa la Brexit per le risorse tecnologiche?

Che cosa significa la Brexit per le risorse tecnologiche?

La settimana scorsa ho passato del tempo a parlare con un gruppo di clienti Snow – quando ho lasciato la riunione, abbiamo accennato brevemente alla necessità di prepararmi per la Brexit e alle possibili implicazioni dal punto di vista contrattuale e fiscale. Sul volo per la mia successiva destinazione ho iniziato a mettere insieme alcune note – e il giorno dopo lo stesso argomento è venuto fuori con un gruppo diverso. Speravo che le cose sarebbero diventate più chiare dopo i negoziati della settimana e il voto del Regno Unito nel fine settimana. Tuttavia, non è ancora chiaro quando inizierà il processo Brexit, che cosa comporterà qualsiasi accordo e quanto tempo ci vorrà.

Il 4 ottobre ho postato su LinkedIn la necessità di rinnovare il mio passaporto in preparazione della Brexit, e alcune delle domande che mi sono state poste su come verranno trattati i beni tecnologici dopo il 31 ottobre. Mentre speravo che qualcuno avesse informazioni, sapevo che non c’erano  molte speranze – dopo tutto, fino a quando non sappiamo qual è l’accordo, nessun ente governativo o fornitore di software può davvero essere sicuro di quello che faranno.

Quale tipo di impatto la gente pensa che ci sarà? 

Nell’aprile di quest’anno abbiamo condotto un sondaggio in Gran Bretagna, Germania, Francia, Spagna, Portogallo e Italia* chiedendo ai partecipanti che tipo di impatto la Brexit avrebbe avuto. Quando agli intervistati del Regno Unito è stato chiesto se erano preoccupati per l’impatto che la Brexit avrebbe avuto sul loro lavoro, il 53% ha risposto di sì e il 47% ha detto di no, rispetto al resto d’Europa dove il 45% ha risposto di sì e il 55% ha detto di no.

Nonostante le maggiori informazioni messe a disposizione da varie agenzie governative in tutto lo Spazio Economico Europeo (SEE) , le discussioni con colleghi, clienti, amici, conoscenti, membri della comunità IT, compagni di viaggio, e altri, che rappresentano una serie di ruoli, industrie, età e luoghi, nonché l’osservazione di ciò che viene twittato o pubblicato su LinkedIn e Facebook, suggerisce che la preoccupazione per l’impatto sull’attività commerciale sta aumentando. Le aziende stanno spostando le operazioni fuori dal Regno Unito per evitare tutto questo. La cosa più preoccupante è la mancanza di comunicazione agli utenti finali all’interno delle loro organizzazioni – molti di coloro che lavorano a livello internazionale non hanno sentito nulla dai loro dipartimenti IT, o anche altrove all’interno delle loro organizzazioni. Un paio di persone hanno detto che era stato consigliato loro di ridurre al minimo gli impegni di viaggio intorno alla scadenza Brexit, ma queste sono state l’eccezione.

Se nessuno sa cosa sta succedendo, cosa si può fare per prepararsi? 

Quando finalmente sapremo cosa sta succedendo – e questo non accadrà magicamente il 31 ottobre o il 1° novembre, o anche tre mesi dopo – vi sarà di aiuto se avete definito un piano:

  • Quali installazioni software si trovano fisicamente nel Regno Unito.
  • Quale software è assegnato agli utenti impiegati nel Regno Unito.
  • Quali abbonamenti SaaS sono assegnati agli utenti impiegati nel Regno Unito.
  • Quali servizi IaaS/PaaS/PaaS/hosted sono accessibili agli utenti impiegati nel Regno Unito.
  • Quali dipendenti dello Spazio Economico Europeo (SEE, che al momento della stesura della presente relazione è costituito dai paesi dell’UE più Islanda, Norvegia e Liechtenstein – la Svizzera non fa parte dello SEE ma fa parte del mercato unico) trascorrono una quantità significativa di tempo nel Regno Unito e quali dispositivi sono loro assegnati.
  • Quali dipendenti del Regno Unito trascorrono del tempo nei paesi dello SEE e quali dispositivi sono loro assegnati.
  • Dove si acquista il software e dove viene utilizzato (ad esempio, si esporta dal Regno Unito allo SEE o dallo SEE al Regno Unito).

Alcune di queste informazioni possono essere già state identificate ai fini del GDPR, quindi assicuratevi di parlare con il vostro DPO o equivalente piuttosto che duplicare lo sforzo. Naturalmente, se avete le informazioni facilmente disponibili nei vostri sistemi ITAM, potete lavorare insieme per convalidare entrambi i dati.

Idealmente dovreste fare un’istantanea della situazione a mezzanotte del 31 ottobre (o qualunque sia la nuova data se questa cambia), in modo da avere un punto di riferimento temporale.

Fino a quando non sappiamo che cos’è l’accordo c’è poco altro che potete fare per prepararvi, ma armati di queste informazioni avrete un’idea della portata del problema – le parti del business interessate, le persone coinvolte e i fornitori di tecnologia con cui dovrete lavorare.

Una volta identificati tutti i software e i servizi cloud utilizzati nel Regno Unito/dai dipendenti del Regno Unito, è necessario verificare le autorizzazioni. Se si dispone di un contratto globale, non ci dovrebbero essere problemi, ma è necessario verificare se i termini sono coerenti a livello globale o se ci sono disposizioni specifiche dello SEE di cui si deve essere a conoscenza. Nei casi in cui gli accordi globali richiedano un’assegnazione geografica e attualmente hanno lo SEE come un unico territorio, è necessario assicurarsi di poter separare i requisiti del Regno Unito, se necessario (in caso di “no deal” o di accordi che lasciano il Regno Unito al di fuori del mercato unico). Una volta chiarite le implicazioni fiscali, è possibile che, al momento del rinnovo del contratto, sia necessario ripensare il luogo in cui stipulare il contratto e acquistare le licenze per essere più efficienti dal punto di vista fiscale (o ridurre al minimo la burocrazia).

Altre attività da considerare immediatamente includono:

  • Modificare le linee guida standard di negoziazione dei contratti per garantire che i nuovi contratti (o i rinnovi) affrontino la questione geografica eliminando completamente le restrizioni o aggiungendo “UK” alla terminologia “SEE e Svizzera” che di solito veniva inclusa.
  • Creazione di una politica o procedura di notifica per identificare qualsiasi violazione dei termini di servizio.
  • Aggiungere un flusso di lavoro che includa l’obbligo di fornire dettagli su “paese di utilizzo” o “paese di residenza” a qualsiasi richiesta o inserimento di documentazione contrattuale e di licenza.

Un ITAM maturo, con una focalizzazione strategica, adotta un approccio basato sui processi. 

Mentre molte organizzazioni concentrano la loro attività di SAM o di gestione delle licenze in base al fornitore, spesso dando priorità alle dimensioni del contratto o della spesa, io ho sempre sostenuto un approccio basato sui processi.

Adottare un approccio basato sui processi significa che, una volta che i processi funzionano, tutti i dati sull’utilizzazione possono essere conservati e compresi. Allo stesso modo, qualsiasi dato di abilitazione può essere aggiunto al sistema SAM man mano che viene consegnato (o, per i dati storici, quando è localizzato/identificato). Adottando un approccio basato sui processi, è più facile per voi affrontare le sfide aziendali (quanto è il costo totale della fornitura di tecnologia per il supporto, ad esempio, di un singolo processo aziendale; dimostrare la conformità normativa, ad esempio, l’assegnazione dei contratti alle corrette entità legali, il pagamento delle fatture da parte dell’entità che utilizza il prodotto o servizio), e vi mette in una posizione in cui eventi come la Brexit non si traducano in gravi interruzioni, poiché dovete ricominciare da zero con le centinaia di fornitori che non sono stati messi in precedenza nella vostra lista di priorità.

Per prepararsi alla Brexit è necessario conoscere ogni singolo software e ogni servizio cloud utilizzato nel Regno Unito o dai dipendenti del Regno Unito. Allo stesso modo, è necessario comprendere le loro abilitazioni. Se vi siete concentrati su singoli fornitori, potreste avere dati eccellenti per alcuni fornitori chiave (tipicamente Microsoft, Oracle, IBM, IBM, SAP, Adobe e circa una mezza dozzina di altri), ma mancano i dati per molti altri.

Se avete domande sui punti sollevati sopra, o suggerimenti su come affrontare al meglio alcune di queste sfide, partecipate alla discussione su Snow Globe.

*L’indagine è stata condotta nell’aprile 2019 e ha incluso le risposte di 3.000 dipendenti a tempo pieno o a tempo parziale di organizzazioni negli Stati Uniti, in Europa e nell’Asia del Pacifico che utilizzano la tecnologia come parte del loro lavoro. Un totale di 1.021 intervistati proveniva dall’Europa (Regno Unito, Germania, Francia, Spagna, Italia e Portogallo).

Fonte: Snow Software. Scritto da Victoria Barber il 20 ottobre 2019

Snow Software è stata riconosciuta tra i leader nel Magic Quadrant 2019 di Gartner per gli strumenti di SAM

Snow Software è stata riconosciuta tra i leader nel Magic Quadrant 2019 di Gartner per gli strumenti di SAM

Snow Software, leader mondiale nelle soluzioni di technology intelligence, ha annunciato di essere stata posizionata da Gartner, Inc. come leader nel Magic Quadrant 2019 per gli strumenti di Software Asset Management. Snow è stata tra i leader in questo Magic Quadrant da quando il report è stato introdotto nel 2018.

L’analisi di Gartner ha posto Snow più a destra sull’asse completezza di visione. Riteniamo che questa posizione rifletta  la nostra comprovata esperienza  come evidente innovatore, offrendo costantemente funzionalità che anticipano e affrontano le sfide che incontrano sia dagli utenti finali che dagli imprenditori.

“Snow è orgogliosa di guidare il mercato con un impegno deciso verso il successo dei clienti, con prodotti collaudati e un approccio lungimirante”, ha affermato Vishal Rao, Presidente e CEO di Snow. “Per consentire la trasformazione digitale, le organizzazioni IT devono collaborare con le loro controparti aziendali e di governance per fornire technology intelligence in tutta l’azienda. Riteniamo che la nostra posizione di leader nel Magic Quadrant di Gartner per due anni consecutivi sia un’altra prova che Snow stia continuando ad aiutare le organizzazioni a comprendere, ottimizzare e gestire la tecnologia per ricavare il massimo valore aziendale “.

Snow è stata anche nominata a gennaio 2019, per la seconda volta, Gartner Peer Insights Customers’ Choice for Software Assets Management Tools. Questo riconoscimento si basa esclusivamente sul feedback degli utenti finali. A partire dal 29 aprile, 168 clienti hanno recensito Snow sulla piattaforma, con 74 valutazioni a 5 stelle e 76 a 4 stelle.

“Come società lungimirante, abbiamo stabilito le priorità fornendo prodotti leader di mercato per cloud, SaaS, software e hardware che rispondono ai requisiti in continua evoluzione delle organizzazioni globali di oggi”, ha dichiarato Peter Björkman, CTO di Snow. “Siamo onorati di essere riconosciuti sia dai nostri clienti che dagli analisti di Gartner. Riteniamo che l’esigenza fondamentale di una completa visibilità dell’utilizzo e della spesa tecnologica abbia reso la gestione delle risorse software una priorità aziendale fondamentale, non solo una responsabilità IT “.

Per ulteriori informazioni sulla posizione di Snow come leader nel Magic Quadrant di Gartner per gli strumenti di Software Asset Management, accedi a una copia gratuita del rapporto completo premendo qui.

Sources
Gartner, “Magic Quadrant for Software Asset Management Tools” by Roger Williams, Matt Corsi, Ryan Stefani, April 24, 2019.
Gartner does not endorse any vendor, product or service depicted in its research publications, and does not advise technology users to select only those vendors with the highest ratings or other designation. Gartner research publications consist of the opinions of Gartner’s research organization and should not be construed as statements of fact. Gartner disclaims all warranties, expressed or implied, with respect to this research, including any warranties of merchantability or fitness for a particular purpose.
Gartner Peer Insights Customers’ Choice constitute the subjective opinions of individual end-user reviews, ratings, and data applied against a documented methodology; they neither represent the views of, nor constitute an endorsement by, Gartner or its affiliates.

Fonte: SNOW SOFTWARE

Software Asset Management & i CIO

Software Asset Management & i CIO

In qualità di CIO, hai molte priorità: sicurezza, cloud, mobile, virtualizzazione, Digital Transformation, risposta rapida alle esigenze aziendali. Nessuno però parla di Software Asset Management.
Tuttavia, una gestione efficace del software installato, degli abbonamenti cloud, delle licenze e acquisti possono fare la differenza tra successo e fallimento per quasi tutte le iniziative IT che si possano immaginare.

Ciò rende il Software Asset Management la priorità non ufficiale # 1 del CIO.

GUIDA ALLA TRASFORMAZIONE DIGITALE
I principali CIO conoscono l’importanza di allinearsi agli obiettivi aziendali come la Digital Transformation. Questo allineamento è possibile solo con una comprensione dettagliata di tutto l’utilizzo della tecnologia, in particolare del cloud. Le profonde capacità analitiche di Snow forniscono informazioni sull’utilizzo della tecnologia in ambito on-premise, cloud e mobile, incluso l’IT della business unit, consentendo ai CIO e ai responsabili IT di supportare gli obiettivi aziendali organizzativi, allocando in modo efficiente i budget tecnologici.

PIENA VISIBILITA’ DEI PROPRI BENI IT
Indipendentemente dalla crescita del cosiddetto shadow IT, o dalla natura sempre più diversificata e distribuita di dispositivi, piattaforme, servizi cloud e software in uso in tutta l’area tecnologica, il CIO deve avere una visibilità completa di tutti i dispositivi, di ogni app software e di ogni accordo di licenza.

COSTI MINIMI
Sia che i budget siano statici o in crescita, c’è sempre la necessità di fare di più con meno e aumentare l’efficienza. Ciò significa eliminare la spesa eccessiva per software, licenze e contratti cloud, dimensionare in modo corretto e riutilizzare le risorse, ottenere condizioni favorevoli dai fornitori evitando costi non controllati.

MASSIMIZZARE LA PRODUTTIVITÀ
Il personale non ha il tempo di reagire a tutte le richieste relative alla tecnologia, che si tratti di un help desk sovraccarico, di un processo di assunzione che richiede troppi passaggi che ostacolano l’onboarding dei dipendenti o di un team di ingegneri alle prese con carichi di lavoro del sistema che rallentano l’agilità di vendita. La soluzione SAM completa di Snow fornisce visibilità laddove è necessaria, migliora la velocità decisionale e automatizza le attività manuali per accelerare i processi organizzativi e apportare miglioramenti sostanziali alla produttività IT.

MINIMIZZARE LE MINACCE DI AUDIT
C’è il 70% di probabilità che quest’anno venga effettuato un audit alla tua organizzazione da almeno un fornitore di software. Un audit richiede molto tempo e può essere costoso se non sei pronto e in grado di difendere la tua posizione. È necessario conoscere la propria situazione relativa alle licenze per tutti i principali fornitori prima che arrivino a bussare alla porta.

ELIMINARE I RISCHI DI SICUREZZA
Applicazioni obsolete, installazioni software non approvate, dispositivi non autorizzati. Queste sono alla base di gran parte del rischio per la sicurezza che la tua organizzazione deve affrontare. Tutto ciò può essere risolto tramite la whitelisting dell’applicazione, identificazione accurata delle versioni del software e avviso su app non approvate, sia installate che in esecuzione nel cloud.

SOFTWARE ASSET MANAGEMENT = SNOW

La piattaforma Software Asset Management di Snow viene utilizzata da oltre 4.500 organizzazioni in tutto il mondo per supportare le principali iniziative IT e proteggere l’azienda da costi e rischi inaccettabili. Costruita intorno all’hub Snow License Manager, la piattaforma supporta milioni di tipi di dispositivi, software e fornitori di cloud e metriche di licenza. Può essere utilizzata dalle parti interessate (IT, Approvvigionamento, Sicurezza, Governance) e dai sistemi (ITSM, ITAM, ERP) in tutta l’azienda per fornire servizi IT efficienti e scalabili.

 

Fonte: Snow Software

C.H. Ostfeld ha firmato un accordo di partnership con Snow Software

C.H. Ostfeld ha firmato un accordo di partnership con Snow Software

Snow Software ha una Missione: evitare che le organizzazioni paghino troppo per i software che utilizzano.

Che si tratti di mancanza di controllo, o mancanza di accordi, o di conformità, Snow Software ritiene che la maggior parte delle organizzazioni oggi finisca per pagare un prezzo troppo alto per il proprio software.

Per risolvere questo problema, Snow Software fornisce soluzioni di Software Asset Management (SAM), progettate per assicurare che i 326 miliardi di dollari spesi ogni anno nei software aziendali siano soldi spesi bene – con la garanzia che le organizzazioni dispongano delle licenze appropriate per il software che usano, non troppe, non troppo poche.

Oggi, più di 4500 organizzazioni in tutto il mondo si affidano alle piattaforme SAM on-premise e cloud-based di Snow Software, per gestire licenze software su oltre 11 milioni di dispositivi: dal mobile al desktop, dal datacenter al cloud.

Fornisce visibilità completa sul software e sui servizi cloud utilizzati nell’azienda. Consente di scoprire tutti gli asset del proprio ambiente, ottimizzare le licenze, realizzare risparmi e ridurre i rischi.
Ottieni una visione aggiornata di ciò che viene distribuito nella tua organizzazione, con flussi di lavoro automatizzati per accelerare l’adozione e aumentare il ROI.

Audit defense
Conoscere la posizione effettiva della  licenza prima che i revisori facciano un controllo, riducendo al minimo costi e interruzioni non previsti.
Il cuore di Snow, Snow License Manager gestisce la complessità, i costi e i rischi del software e delle licenze. È un hub di gestione che fornisce una visione unificata di tutti gli  asset software, cloud e hardware, diritti di licenza e metriche di utilizzo delle applicazioni. E’ molto facile gestire il ciclo di vita di tutte le applicazioni, indipendentemente da dove vengono utilizzate.

Discovery e inventory
Un modo semplice per far luce su tutto l’hardware, i dispositivi, i servizi cloud e le risorse software e ottenere informazioni utili.
Snow Inventory scopre tutte le risorse, incluse la configurazione hardware, le distribuzioni e l’utilizzo del software.

 

Gestione e ottimizzazione delle licenze
Dimensionare correttamente il parco software con una gestione efficace delle installazioni, dell’utilizzo, delle licenze e delle autorizzazioni del software.

Conformità e rischio
Proteggi il tuo business con la conformità continua. Comprendi e mitiga il rischio GDPR con una visibilità completa delle attività.

 

Fonte: Snow Software

 

 

Snow Software

Snow Software

Con la sede centrale a Stoccolma, in Svezia, Snow Software è il più grande sviluppatore per soluzioni di Software Asset Management, con più uffici locali e centri di supporto regionali di qualsiasi altro distributore.

Oggi, più di 4500 organizzazioni in tutto il mondo si appoggiano sulle piattaforme SAM on-premise e cloud di Snow Software, per gestire licenze software su oltre 11 milioni di apparecchi: dal mobile al desktop, dal datacenter al cloud.

Apri/Chiudi tutte le descrizioni

Snow License Manager - La soluzione di Software Asset Management Leader nel mondo in cloud & on-premise

Snow License Manager è progettato per ridurre il rischio, il costo e le complessità associate con i software asset e il licensing. Migliaia di organizzazioni in tutto il mondo si affidano a Snow License Manager per evitare troppe spese sulle autorizzazioni software accertandosi però di essere in piena conformità con le regole sul licensing.

Snow License Manager è il polo del Software Asset Management (SAM) avanzato di Snow – fornisce una visione unificata di tutti gli asset software e hardware, autorizzazioni di licenze e i parametri d’applicazione d’uso.

Attori multipli da tutta l’organizzazione possono accedere a visioni personalizzate che permettono loro, all’istante, di:

  • Creare Effective License Positions (ELPs) per tutti i venditori di software, inclusi Microsoft, IBM, Adobe e altri
  • Tracciare le spese della licenza software
  • Monitorare l’uso degli asset impiegati
  • Identificare opportunità per ridurre i costi di licensing & support

In qualunque settore lavoriate – IT operation, Service Management, Acquisti o SAM – Snow Inventory fa luce su tutti gli hardware, i device e gli asset software.

Snow Inventory - Scopri i dispositivi, il software, i servizi cloud su tutte le piattaforme, controlla le installazioni e monitora l’utilizzo

Snow Inventory scopre tutti gli asset, inclusa la configurazione hardware, la distribuzione e l’uso dei software. Questa visone offre agli attori dell’organizzazione – come il Software Asset Management, l’IT Asset Management, il Service Desk e il team operativo IT – la supervisione e le informazioni in dettaglio necessarie per prendere mote decisioni cruciali di business.

Snow Inventory supporta tutte le principali piattaforme computazionali, inclusi:

  • Windows
  • Mac
  • Linux
  • UNIX
  • Cloud
  • iOS
  • Windows Phone
  • Thin Client
  • VDI
  • Android

Snow Inventory fornisce l’individuazione completa degli asset così come la scoperta dei punti ciechi nella rete. Dai computer ai server, mobile e tablet fino a tutti i device connessi con la rete come i router, stampanti e firewall, tutti i tipi di apparecchi sono individuati e oggetto di report in Snow. Perfino device che non sono connessi con la rete in punto di audit sono inclusi, visto che sono device senza alcun agente client su di loro.