L’Università della Svizzera Italiana ha scelto 4me per avere una piattaforma completa in grado di soddisfare tutte le esigenze dei servizi IT

L’Università della Svizzera Italiana ha scelto 4me per avere una piattaforma completa in grado di soddisfare tutte le esigenze dei servizi IT

“La piattaforma corrisponde perfettamente alle nostre esigenze. L’interfaccia è agile, dinamica e intuitiva, il che è molto apprezzato da tutti gli utenti e dagli agenti. E la piattaforma è veloce e trasparente, rendendo facile vedere rapidamente lo stato delle richieste pendenti, l’avanzamento dei singoli progetti e lo stato delle attività in tutta l’organizzazione.” Ivano Di Remigio, coordinatore del supporto IT dell’USI per gli utenti con funzione di Service Manager.

Informazioni sul cliente

L’Università della Svizzera italiana (USI) è una delle dodici università pubbliche ufficialmente riconosciute dal sistema accademico svizzero. Opera in diverse aree di studio e di ricerca e ha tre campus a Lugano, Mendrisio e Bellinzona nella Svizzera italiana. Attualmente conta 3.350 studenti, 10.455 laureati e uno staff accademico e amministrativo di oltre 1.200 persone.

Fondata 25 anni fa, l’USI è una realtà in continuo sviluppo, lanciata verso nuove sfide, ma sempre nel segno dei suoi tre valori guida: qualità, apertura e responsabilità.

Modernizzare la gestione dei servizi

L’USI è cresciuta rapidamente dalla sua fondazione e sta consolidando i propri processi di gestione, in particolare per le richieste degli utenti informatici. Aveva una soluzione legacy open-source per la gestione dei casi legati ai servizi informatici (incident, problem, request) e ad alcune altre aree. Lo strumento funzionava bene inizialmente, ma la sua interfaccia utente presentava dei limiti: era progettato per risolvere casi, non per fornire servizi agli utenti dell’IT.

L’USI era alla ricerca di uno strumento di nuova generazione in grado di soddisfare tutte le esigenze di servizi IT dell’organizzazione in un’unica piattaforma. Uno dei fattori più importanti per la scelta di un nuovo strumento era che USI voleva l’opportunità di integrare completamente il suo Service Catalog con i suoi processi e la gestione dei rischi.

Un altro requisito essenziale per USI era che il fornitore fornisse un supporto dinamico, reattivo, professionale e competente, che 4me offriva.

L’USI ha deciso di implementare 4me passo dopo passo in un periodo di circa un anno. Questo è stato intrapreso dal partner italiano di fiducia di 4me, C.H. Ostfeld Servizi, che si è assicurato che il progetto si svolgesse senza inconvenienti e che l’USI si ritrovasse con uno strumento che rispondesse esattamente alle sue esigenze.

Formazione

Come parte del processo di implementazione, C.H. Ostfeld Servizi ha fornito la formazione iniziale, che è stata dedicata a due diversi gruppi di agenti: specialisti e amministratori.

Go Live

L’intero dipartimento servizi IT ora usa 4me e l’USI ha un supporto centralizzato per tutti gli utenti per tutte le richieste e i problemi relativi al supporto, alle applicazioni aziendali e all’infrastruttura.

Risultati

4me ha sostituito diversi strumenti separati utilizzati da USI e offre un unico punto per gestire le richieste e i servizi, risparmiando sia il tempo degli utenti che i costi dei singoli strumenti. Per esempio, le knowledge pages sono state rese disponibili tramite 4me Knowledge Management, offrendo un unico punto di riferimento per tutte le richieste e le istruzioni. Anche il Project Management di 4me ha sostituito uno strumento separato. L’USI dispone ora di una piattaforma completa per la gestione dei servizi che offre piena trasparenza e controllo.

Ivano Di Remigio spiega: “Una delle belle cose è che l’introduzione di 4me ci ha permesso di analizzare, e dettagliare ulteriormente il Service Catalog rendendolo più organico ed efficiente.”

“Le richieste vengono tracciate meglio e in modo più organico, e possiamo facilmente migliorare e sviluppare i servizi. Ora abbiamo raggiunto un buon livello di collaborazione e comunicazione con gli utenti attraverso uno strumento unico. Abbiamo ricevuto un feedback molto positivo da parte degli utenti, soprattutto sulla trasparenza che ora siamo in grado di offrire con il Request Management”.

Download “4me Success Story USI” 4me-Success-Story-USI-US-EN.pdf – Scaricato 30 volte – 683 KB

Fonte: 4me

JMA ha scelto 4me grazie all’integrazione con altri strumenti e alla rapida velocità di sviluppo.

JMA ha scelto 4me grazie all’integrazione con altri strumenti e alla rapida velocità di sviluppo.

“4me è un salto nel futuro! È veloce, semplice e facile da usare, con grande integrazione e capacità di espansione futura. Il nostro obiettivo è di essere customer-oriented come 4me”. Matteo Balducci, Value Added Services Manager, JMA Wireless

Informazioni sul cliente

JMA Wireless progetta e costruisce sistemi di comunicazione di nuova generazione, fornendo le tecnologie più potenti del settore che consentono di utilizzare le reti 4G LTE, 5G, CBRS e LAA in tutto il mondo.

Motivo della valutazione

Quando JMA ha introdotto il software XRAN™, aveva bisogno di impostare un servizio 24/7. La sfida era quella di gestire numerosi contratti, con diversi SLA, per i numerosi clienti JMA situati in diversi fusi orari. JMA ha preso in considerazione BMC Remedy e Zendesk, ma ha scelto 4me perché l’integrazione con altri strumenti e la velocità di sviluppo era molto buona.

Risultati

JMA è ora in grado di supportare i propri clienti ovunque e in qualsiasi modo essi lo desiderino.

Le apparecchiature JMA sono spesso installate in luoghi difficili da raggiungere. Matteo Balducci, Value Added Services Manager di JMA Wireless, afferma che l’applicazione mobile di 4me per iOS e Android ha davvero aiutato i clienti ad ottenere supporto tramite il loro cellulare e a inviare fotografie da valutare. Anche l’integrazione della posta elettronica supportata da 4me è stata molto preziosa in quanto alcuni clienti preferiscono utilizzare questo strumento per chiedere supporto.

“4me ha soddisfatto la nostra esigenza, dandoci una piattaforma unica in grado di raccogliere tutte le richieste ordinate automaticamente per priorità. Abbiamo ottenuto un livello di supporto più efficiente, legato alla capacità di tracciare tutte le richieste dei nostri clienti e dei loro SLA”. Matteo Balducci, JMA Wireless.

Download “4me success story jma wireless” 4me-success-story_jma-wireless-en.pdf – Scaricato 119 volte – 1 MB

Fonte: 4me

Come un’agenzia per il lavoro gestisce i propri dispositivi mobili con Wandera e Airwatch

Come un’agenzia per il lavoro gestisce i propri dispositivi mobili con Wandera e Airwatch

Totaljobs Group è l’agenzia per il lavoro online più grande e cresciuta più velocemente del Regno Unito. Con sette siti internet di annunci di lavoro, che tra loro hanno oltre 250.000 annunci, attira circa nove milioni di persone ogni mese. Sede a Londra e circa 400 dipendenti e uffici in tutto il Regno Unito, l’azienda si affida molto ai dispositivi mobili per la connettività.

Una posizione impegnativa per Totaljobs
Totaljobs Group gestisce circa 260 dispositivi mobili di proprietà aziendale che vengono utilizzati principalmente per collegarsi alla posta elettronica e all’accesso a servizi quali Salesforce.com e Office 365 mentre i dipendenti sono in movimento e visitano i clienti. Il parco dei dispositivi è in gran parte costituito da telefoni iPhone.
Totaljobs Group ha dipendenti che viaggiano in Europa, negli Emirati Arabi e occasionalmente negli Stati Uniti.

L’azienda utilizzava Blackberry prima di passare all’iPhone circa quattro anni fa quando il team IT ha riconosciuto la necessità di un dispositivo che consentisse l’accesso a più servizi online.
Il nostro passaggio da Blackberry a iPhone ha determinato un notevole aumento dell’utilizzo del traffico dati e dei costi associati. Questo è stato il motivo principale per la ricerca di una soluzione per gestire i costi eccessivi”. Holger Sell, Corporate IT Services Manager, Stepstone.

Il team IT ha condotto una ricerca online per cercare una soluzione che aiutasse l’azienda a gestire i costi di roaming.

La scelta migliore per il lavoro
A quel tempo, Wandera era appena entrata nel mercato con un’offerta unica nella gestione del traffico dati, usando un gateway cloud per cellulari. Holger ha incontrato Wandera e ha richiesto una trial gratuita prima di firmare il servizio.

“Mi ha colpito il servizio, ha offerto esattamente quello che volevamo. Ottenere l’approvazione per aggiungere un’altra spesa al nostro budget per la mobilità non era facile quando avevamo appena aumentato la spesa passando da Blackberry a iPhone. Ma sapevamo infine che Wandera avrebbe permesso un risparmio di costi.” Holger Sell, Corporate IT Services Manager, Stepstone.

Non troppo tempo prima della distribuzione di Wandera, Totaljobs Group aveva scelto AirWatch come soluzione Enterprise Mobility Management (EMM), che opera principalmente come strumento per il monitoraggio e il controllo dei dispositivi. Ad esempio, quando qualcuno perde il proprio telefono cellulare, il team IT utilizza AirWatch per localizzarli, bloccare l’accesso a qualsiasi applicazione sensibile, inviare messaggi al telefono per tentare di recuperarlo o cancellare completamente il telefono. Insieme le due soluzioni lavorano fianco a fianco. I dispositivi sono gestiti da AirWatch, mentre Wandera gestisce il traffico dati del dispositivo.

Il gruppo Totaljobs ha creato varie policy attraverso Wandera per diversi gruppi di utenti a seconda di quanto e dove viaggiano e le autorizzazioni necessarie per eseguire il proprio lavoro.
L’azienda ha personalizzato una policy standard che blocca l’accesso dei cellulari a determinate categorie di app preimpostate nel cruscotto Wandera. Tramite questa policy, categorie inappropriate come quelle per adulti e giochi d’azzardo sono in una blacklist per tutti i dipendenti.
L’utilizzo di Salesforce e Office 365 è invece sempre consentito in modo che il personale abbia accesso a questi servizi in ogni momento, anche se hanno raggiunto il proprio limite di traffico dati.

Per noi, mantenere il personale collegato e produttivo, è più importante che fare piccoli risparmi sul roaming dei dati, per cui è utile avere una whitelist personalizzabile. Per quanto riguarda le applicazioni personali e siti web, cerchiamo di mantenere un equilibrio senza essere troppo rigidi.” Holger Sell, Corporate IT Services Manager, Stepstone.

Con Wandera, Totaljobs è in grado di ottimizzare il proprio piano del traffico dati. L’azienda ha applicato il limite di traffico di 1 GB per dispositivo, con gli avvisi inviati agli utenti quando si avvicinano alla soglia. All’interno dell’applicazione Wandera, gli utenti possono vedere quali siti e applicazioni consumano la maggior parte del loro traffico dati, consentendo loro di assumersi la responsabilità di gestire il proprio utilizzo personale.

Fonte: Wandera

 

Giochi Preziosi adotta AirWatch per gestire le applicazioni mobili e i cataloghi digitali

Giochi Preziosi adotta AirWatch per gestire le applicazioni mobili e i cataloghi digitali

L’utente
Giochi Preziosi è un gruppo leader in Italia nella produzione e  commercializzazione di giocattoli e prodotti per bambini. La distribuzione capillare, l’ampia gamma di prodotti e la ricca diversificazione merceologica  hanno consentito all’azienda di distinguersi dalla concorrenza e posizionarsi  tra i maggiori player mondiali. Tra i prodotti di punta del marchio ci sono il famoso Cicciobello, i Gormiti e il personaggio Peppa.

La sfida
I cataloghi dei prodotti sono una componente importante della strategia marketing di Giochi Preziosi, in quanto consentono alla forza vendita di  mostrare l’offerta completa a clienti, partner e rivenditori internazionali. Tuttavia, la modifica e la stampa i cataloghi è un processo lungo e  costoso. Inoltre, non è sempre possibile includere informazioni di prodotto aggiornate al momento della stampa, poichè alcuni prodotti si trovano ancora in fase di perfezionamento.

Per ridurre i costi e consentire la modifica dei cataloghi anche dopo la loro pubblicazione, Giochi Preziosi ha deciso di rendere i cataloghi di prodotto digitali.
Guardando alla mobilità, l’azienda ha in seguito introdotto dispositivi mobili, per semplificare la gestione delle operazioni. In breve tempo, l’azienda si è però resa conto dei limiti legati ad una gestione in-house dei dispositivi, tra cui l’impossibilità di aggiornare i contenuti in remoto “over-the-air” o modificare i profili sui dispositivi quando non collegati ad un computer fisso.

La soluzione
Per soddisfare le proprie esigenze di mobilità, Giochi Preziosi ha valutato una serie di  fornitori per la gestione della mobilità e ha selezionato AirWatch® by VMware® per la sua facilità d’uso e la completezza della soluzione. Inizialmente, AirWatch è stato implementato a livello internazionale su un numero iniziale di 100 dispositivi, in prevalenza tablet iOS.  Sulla base della sua esperienza positiva con AirWatch, l’IT prevede di implementare altri dispositivi ai dipendenti.

Leggi la case history completa

Download “airwatch-case-study-giochipreziosi-it.pdf” airwatch-case-study-giochipreziosi-it.pdf – Scaricato 456 volte – 157 KB

Zambon sceglie AirWatch – Case Stories

Zambon sceglie AirWatch – Case Stories

Zambon sceglie AirWatch per semplificare la gestione dei dispositivi mobili aziendali

Airwatch Case Stories – leggi come alcune società italiane hanno implentato la soluzione per Mobile.

Il cliente
Zambon è una realtà imprenditoriale italiana che da 108 anni opera nell’industria chimica e farmaceutica in tre aree terapeutiche: respiratorio, dolore e donna. Il Gruppo Zambon, che ha sede centrale a Milano, impiega oggi più di 2.600 collaboratori ed è forte di 21 filiali all’estero e prodotti venduti in 73 Paesi.

La sfida
Nel 2011, il gruppo Zambon ha deciso di adottare un modello mobile, dotando la forza di vendita di iPad per favorire un lavoro più efficiente e l’esecuzione di operazioni sul campo. Per via del gran numero di dati riservati coinvolti, si è reso necessario adottare una soluzione mobile per proteggere il flusso di informazioni e per consentire alla forza vendita di accedere in maniera sicura ai documenti ed alle applicazioni tramite i propri dispositivi. Uno strumento di questo tipo era anche necessario  per distribuire le applicazioni interne.

La soluzione
Zambon ha effettuato una ricerca sui fornitori di soluzioni di enterprise mobility management ed analizzato i principali player mondiali presenti negli studi di Gartner, tra cui figurava AirWatch in posizione di leadership. L’implementazione della soluzione AirWatch ha richiesto poco più di due settimane ed una sola persona del team informatico di Zambon.

Leggi la case Study completa

Download “it-airwatch-zambon.pdf” it-airwatch-zambon.pdf – Scaricato 455 volte – 221 KB

Fonte: VMware AirWatch