Gestione delle risorse IT per i CIO: 10 domande da porsi

Gestione delle risorse IT per i CIO: 10 domande da porsi

Nell’ambiente aziendale odierno, i CIO sono diventati partner essenziali per l’azienda: l’importanza della loro esperienza nel dirigere la strategia aziendale è più che mai apprezzata. Allo stesso tempo, molti CIO si stanno rendendo conto di non poter fornire un’adeguata governance IT senza comprendere appieno il patrimonio IT della propria organizzazione in un dato momento. Un esempio: nel 2017, il mercato del software ITAM è stato valutato oltre $ 750 milioni, con previsioni che stimano $ 2,19 miliardi entro il 2026 – quasi un aumento del 300%!

In effetti, in parte a causa degli effetti della pandemia, i CIO stanno modificando le loro priorità di spesa, compresi investimenti significativi in ​​dati e analisi di business, sicurezza e gestione dei rischi, applicazioni aziendali basate su cloud e tecnologie per la customer experience.

Mentre guidate la vostra organizzazione attraverso i numerosi cambiamenti dovuti dall’adozione diffusa di Cloud Computing, del WFH e di altre attività verso la rivoluzione digitale, alcuni problemi, come la gestione dei costi e della sicurezza, potrebbero sembrare familiari. Ma altri, come il rapido aumento del lavoro a distanza causato dalla pandemia globale presentano nuovi ostacoli e opportunità.

Mentre si cercano nuovi modi per bilanciare i costi e la sicurezza IT con la necessità di mantenere l’agilità aziendale, sarà fondamentale sviluppare un’unica panoramica degli scenari IT dell’intera organizzazione. Per decenni, gli strumenti ITAM hanno promesso di fornire questo e ci hanno deluso con il loro impatto. È necessario un nuovo approccio e ITAM 2.0 è progettato per superare le barriere che hanno afflitto la prima generazione di questi strumenti.

Per aiutarvi a sviluppare la giusta soluzione ITAM per la vostra organizzazione, ecco 10 domande che vi consigliamo di porre al vostro team.

1. Siamo preparati per il remote working duraturo?

Data la continua incertezza della pandemia, è praticamente impossibile prevedere quando, come e in che misura i dipendenti torneranno a lavorare in presenza. Prevediamo che molte imprese porranno l’accento sulla flessibilità a lungo termine con modelli di lavoro ibridi.

Per quasi tutte le organizzazioni, un certo grado di lavoro remoto è destinato a rimanere, ponendo la sicurezza e la protezione dei dati sotto i riflettori e incaricando i manager e i tecnici IT di garantire che le reti aziendali siano sicure e che i dipendenti siano protetti quando non sono sulla rete aziendale.

Proteggere la vostra forza lavoro remota può essere una sfida, ma è possibile quando si hanno gli strumenti giusti. Per saperne di più, leggete il nostro post correlato sulla gestione del perimetro di sicurezza.

La governance IT nell’ambiente odierno richiede il mantenimento di un’unica fonte di verità che contenga i dati necessari per tutti gli scenari, compresa la sicurezza fuori e dentro il perimetro aziendale”. Roel Decneut, CMO, Lansweeper

2. Come ottimizziamo i costi IT mantenendo l’agilità aziendale?

Uno degli effetti collaterali della pandemia è stata l’ulteriore pressione sui CIO per controllare i propri budget IT consentendo al tempo stesso il lavoro remoto su larga scala. Di fronte a tale pressione, è di fondamentale importanza evitare misure di riduzione dei costi a breve termine che potrebbero ridurre la capacità di competizione dell’organizzazione.

Spesso, il potenziale vantaggio dell’ottimizzazione dei costi a lungo termine giustifica ulteriori investimenti a breve termine nell’IT. I CIO devono trovare un equilibrio strategico tra contenere i costi e fornire all’azienda l’agilità sufficiente per innovare. Mantenere una panoramica del proprio patrimonio IT durante un rapido processo di trasformazione digitale è la chiave per ottimizzare i costi.

Scopri come Cerner Corporation sta ottimizzando i costi e offrendo maggiore valore ai clienti con Lansweeper.

3. Come abilitiamo la trasformazione digitale?

In futuro, le aziende saranno sempre più dipendenti dalle piattaforme cloud e dalle economie di scala che guidano il machine learning e altre innovazioni emergenti. L’ITAM è essenziale per il vostro viaggio di trasformazione digitale. Prima di poter passare al cloud, implementare soluzioni guidate dall’AI o digitalizzare efficacemente, è necessario avere un quadro accurato delle risorse disponibili, dei dati che si raccolgono e si conservano e della topologia del proprio panorama IT.

Naturalmente, il costo è una considerazione essenziale. Scopri come crediamo che bilanciare le riduzioni dei costi a breve termine con le ottimizzazioni dei costi a lungo termine sia essenziale per il viaggio della trasformazione digitale.

4. Possiamo gestire efficacemente i dispositivi personali dei dipendenti?

Che si tratti di uno smartphone portato sul posto di lavoro o di un laptop personale usato per accedere alla rete da remoto, la gestione dei dispositivi mobili (MDM) è una delle sfide più importanti che le organizzazioni devono affrontare oggi.

Il 67% dei dipendenti porta i propri dispositivi personali al lavoro.

Un MDM efficace aiuta a migliorare la sicurezza dei dati monitorando e proteggendo qualsiasi smartphone, laptop o tablet usato sulla rete. Questo è particolarmente cruciale dato l’aumento del BYOD (Bring Your Own Device) e, come notato sopra, l’aumento del lavoro remoto non farà che amplificare questa necessità. Ecco un approfondimento su cosa può significare l’MDM per la vostra azienda. E assicuratevi di controllare il nostro Rogue Device Scanning con Asset Radar, che rileva e registra istantaneamente i dispositivi che si collegano alla vostra rete, 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

“La linea di demarcazione tra risorse personali e aziendali continuerà a diventare più confusa. Anche prima della crisi attuale, era difficile per le persone tenere separati i loro dispositivi personali dal lavoro. Ora diventerà quasi impossibile. L’unico modo in cui un’azienda potrà mantenere un ITAM coerente e accurato è assicurarsi di sapere esattamente quali beni possiede e dove si trovano esattamente questi beni in qualsiasi momento”. Emad Hanna, Fondatore, CyberStockroom

 5. Possiamo finalmente abbandonare i fogli di calcolo? 

Secondo Ivanti, il 43% dei professionisti IT sta ancora monitorando le risorse IT con i fogli di calcolo.

È diventata un’abitudine familiare per molti, ma presenta anche delle sfide. Innanzitutto, è un compito che richiede molto tempo e che distoglie i vostri team da attività di maggior valore. Non solo richiede molto lavoro, ma a causa della complessità e del “fattore umano” coinvolto, vi espone a errori nell’inserimento dei dati e a report imprecisi.

La risposta è che potete sbarazzarvi dei fogli di calcolo quando adottate un approccio ITAM moderno per tracciare le risorse IT.

6. Che impatto avrà il 5G sulla mia organizzazione? 

Con il recente dispiegamento di Starlink, l’adozione diffusa dell’IoT e le installazioni 5G che diventano comuni, ci aspettiamo un paio di risultati naturali. In primo luogo, come già notato, il lavoro a distanza diventerà ancora più facile e onnipresente.

E in secondo luogo, la quantità di dati che verranno generati e condivisi aumenterà in modo esponenziale.

Entro il 2025, si stima che ci saranno più di 64 miliardi di dispositivi IoT in tutto il mondo.

In termini di ITAM, tre domande sorgono spontanee.  Come gestiamo e proteggiamo i dispositivi e i dati 5G, garantendo che i dispositivi funzionino correttamente? Come distinguiamo i dispositivi legittimi dall’IT non autorizzato? E come ci assicuriamo che i dati aziendali sensibili siano protetti?

7. La mia organizzazione è a rischio a causa di dispositivi non gestiti e obsoleti?

Il ritmo incalzante con cui la tecnologia si evolve significa che vengono aggiunte nuove soluzioni prima ancora che quelle vecchie vengano rimosse. In passato, tutti i dispositivi erano in sede e sarebbe stato relativamente semplice rimuoverli dalla rete. Ora, con il lavoro a distanza e la forza lavoro mobile, liberare le aziende dalla tecnologia obsoleta e vulnerabile diventa un po’ più complicato.

8. Come stiamo gestendo la governance IT? 

Le disposizioni stabilite dalle organizzazioni governative forniscono una guida ai CIO e ai CFO su come tracciare e gestire al meglio le risorse digitali all’interno delle loro organizzazioni. Dai CIS Controls™ alla IT Infrastructure Library, la mancata conformità ai quadri di governance IT può comportare non solo un aumento del rischio, ma anche multe salate.

Scopri come Herman Miller è stata in grado di soddisfare i primi due controlli CIS con Lansweeper

Al centro di tutti questi framework c’è un’attività essenziale: la creazione di un inventario completo e accurato delle risorse hardware e software. E questo è esattamente ciò che un ITAM efficace dovrebbe fornire. Guardate le riflessioni che abbiamo condiviso su questo argomento.

9. Come ha influito il passaggio al lavoro a distanza sulla sostenibilità delle nostre risorse? 

Poiché la pandemia ha spostato sempre più lavoratori dall’ufficio ad ambienti di lavoro in remoto, molti dispositivi legati alla scrivania, come i PC desktop, rimangono inutilizzati e diventano obsoleti, il che contribuisce ad aumentare i rifiuti elettronici.

Poiché questa preoccupazione ambientale diventa più pressante, ci aspettiamo che molte aziende si orientino verso pratiche di IT Asset Management sostenibili che promuovano il riutilizzo dei dispositivi e lo smaltimento ecologico.

10. Ho le risorse giuste per le sfide che sto affrontando?

Una cosa è identificare le sfide e le opportunità che l’ITAM presenta per la tua organizzazione, ma un’altra cosa è assemblare le risorse, sia le persone che la tecnologia, necessarie per gestire l’infrastruttura in modo efficace. Cosa dovreste gestire internamente? Cosa dovreste esternalizzare? E qual è il giusto mix di investimenti a breve e lungo termine per mantenere l’equilibrio ideale tra costi IT, sicurezza e agilità aziendale?

Queste sono le domande a cui ITAM 2.0 è stato progettato per rispondere.

Per stare al passo con la trasformazione digitale e fornire il livello di visibilità e informazioni necessarie per garantire la sicurezza, gestire i costi e supportare le iniziative aziendali, l’ITAM non può più essere soggetto ad ulteriori riflessioni. Nella visione di Lansweeper di ITAM 2.0, ITAM si evolve da una soluzione di nicchia ad un prodotto di base per un’organizzazione IT efficiente e ben gestita.

Fonte: Lansweeper

 

Workspace ONE – (On-Premises) Aggiornamento script APNs

Workspace ONE – (On-Premises) Aggiornamento script APNs

(On-Premises) Il 26 settembre 2021 scadranno i certificati APNS che vengono usati dalla console Workspace ONE / Airwatch per comunicare con i dispositivi iOS.
Senza il rinnovo non sarà possibile mandare messaggi push alle applicazioni VMWare.
Chi è in possesso di Workspace ONE UEM On-Premises deve aggiornare i certificati APNs eseguendo sul database la query che potete scaricare qui di seguito:

Link script rinnovo APNs

Nessun Impatto per chi utilizza il sistema in SAAS.

A questo link la comunicazione ufficiale di VMware

 

Workspace ONE – (On-Premises) Aggiornamento script APNs

Workspace ONE – (On-Premises) Aggiornamento script APNs

(On-Premises) L’11 ottobre 2020 scadranno i certificati APNS che vengono usati dalla console Workspace ONE / Airwatch per comunicare con i dispositivi iOS.
Senza il rinnovo non sarà possibile mandare messaggi push alle applicazioni VMWare.
Chi è in possesso di Workspace ONE UEM (il nuovo nome di Airwatch) On-Premises deve aggiornare i certificati APNs eseguendo sul database la query che potete scaricare qui di seguito:

Link script rinnovo APNs

Nessun Impatto per chi utilizza il sistema in SAAS.

A questo link la comunicazione ufficiale di VMware

 

 

Workspace ONE UEM – Upgrade prima di Novembre 2020 per supporto APNs su HTTP/2

A partire da Novembre 2020, Apple terminerà il supporto per le comunicazioni APNs in modalità legacy.

Consigliamo a tutti i clienti con versione di Workspace One UEM inferiore alla 19.07.0.59 di effettuare l’upgrade dell’ambiente per evitare blocchi o malfunzionamenti con dispositivi Apple.

A prescindere dalla versione installata è opportuno verificare che la comunizacione APNs su HTTP/2 sia correttamente funzionante
APNs Test

A questo link potete trovare la comunicazione ufficiale di VMware

Workspace ONE – (On-Premises) Aggiornamento script APNs

Workspace ONE – (On-Premises) Aggiornamento script APNs

(On-Premises) Il 26 Novembre 2019 scadono i certificati che vengono usati dalla console Workspace ONE / Airwatch.
Senza il rinnovo non sarà possibile mandare messaggi push alle applicazioni VMWare.
Chi è in possesso di Workspace ONE UEM (il nuovo nome di Airwatch) On-Premises deve aggiornare i certificati APNs eseguendo sul database la query che potete scaricare qui di seguito:

Link

Nessun Impatto per chi utilizza il sistema in SAAS.

A questo link la comunicazione ufficiale di VMware

WorkSpace ONE – (On-Premises) Aggiornamento script APNs

WorkSpace ONE – (On-Premises) Aggiornamento script APNs

(On-Premises) Il 26 Novembre 2018 scadono i certificati che vengono usati dalla console Workspace ONE / Airwatch.
Senza il rinnovo non sarà possibile mandare messaggi push alle applicazioni VMWare.
Chi è in possesso di Workspace ONE UEM (il nuovo nome di Airwatch) On-Premises deve aggiornare i certificati APNs mediante la script DB che potete scaricare qui di seguito:

Link

Nessun Impatto per chi utilizza il sistema in SAAS.

 

Fine del supporto del content gateway VMware su Windows e Linux

Fine del supporto del content gateway VMware su Windows e Linux

Vi inoltriamo l’informazione ricevuta da VMWare (che riportiamo nell’articolo qui di seguito) riguardante la dismissione del Content Gateway per Windows e Linux a partire dall’8 Ottobre 2019.
Questo ruolo è stato sostituito dal sistema UAG (Unified Access Gateway) che include anche il Tunnel (Proxy e VPN), il broker di Horizon ed un sistema di reverse proxy autoritativo.

Continue reading “Fine del supporto del content gateway VMware su Windows e Linux” »

Workspace One – Patch per la compatibilità con i nuovi dispositivi Apple

VMware Workspace ONE ha ricevuto informazioni da Apple su potenziali modifiche all’UDID (il codice che identifica univocamente un device Apple) con il rilascio dei  nuovi dispositivi Apple. Per prepararsi ai nuovi dispositivi Apple sarà necessario applicare una patch alla console di Workspace One UEM (AirWatch) per consentire la registrazione di nuovi dispositivi.

A questo indirizzo trovate la notizia ufficiale pubblicata da VMware con tutti i dettagli.

VMware è stata nominata leader di IDC MarketScape: Worldwide Enterprise Mobility Management Software 2018 Vendor Assessment

VMware è stata nominata leader di IDC MarketScape: Worldwide Enterprise Mobility Management Software 2018 Vendor Assessment

Siamo lieti di annunciare che VMware è stata nominata leader nell’IDC MarketScape: Worldwide Enterprise Mobility Management Software 2018 Vendor Assessment (US43294018). Questo è il secondo anno consecutivo in cui VMware è stata nominata Leader.

Il modello di analisi dei Vendor da parte di IDC MarketScape è progettato per fornire una panoramica sull’idoneità competitiva dei fornitori di ITC in un dato mercato. Il metodo di ricerca utilizza una rigorosa metodologia di punteggio basata su criteri qualitativi e quantitativi che si traduce in una singola illustrazione grafica della posizione di ciascun vendor all’interno di un dato mercato. La quota di mercato del vendor è rappresentata dalla dimensione delle icone.

Con le nostre di radici in AirWatch, sembra che siamo stati nel settore del MDM ed EMM da sempre, giusto? Ma i dispositivi mobili sono ancora molto importanti in quanto le organizzazioni continuano a sfruttare i nuovi dispositivi e siamo costantemente in continua evoluzione per soddisfare le nuove esigenze dei clienti. E con i recenti aggiornamenti di iOS e Android, VMware è rimasta vigile nel supportare questi sistemi operativi più velocemente di altri fornitori.

Con il rilascio di iOS 11.3, abbiamo aggiunto la possibilità di posticipare gli aggiornamenti di iOS in base all’esigenze dell’IT, una funzionalità molto richiesta dai clienti. Inoltre con la dismissione della gestione via Agent dei device Android di Google che porta verso Android Enterprise come impostazione predefinita, VMware è all’avanguardia nel supporto della nuova modalità. In effetti, Workspace ONE supporta tutti le soluzioni di Android Enterprise. Potete vedere maggiori dettagli nei blog e nei video qui sotto:

Persino con grandi i cambiamenti nel panorama dei dispositivi mobili, EMM MarketScape copre anche molti sistemi di gestione dei PC. L’IDC MarketScape ha detto di Workspace ONE, “è tra i più aggressivi in ​​termini di spinta delle capacità UEM al più ampio gruppo di utenti e piattaforme per la migrazione a UEM e a una gestione moderna” ed “è in grado di fornire impostazioni di configurazione e sicurezza su una vasta gamma di dispositivi, inclusi i Chromebook Dell e la gestione BIOS sui PC Dell. ”

Se sei un cliente Workspace ONE o ci segui, saprai che la gestione moderna di Windows 10 è stata un grande obiettivo. Sotto la sezione Strenghts di IDC MarketScape, Workspace ONE è nominato per “funzionalità forti” anche in Chrome OS e gestione macOS.

Per fornire maggiori dettagli ai clienti che supportano i programmi “Mac as Choice”, Workspace ONE ha un approccio di gestione moderno efficiente oltre alla possibilità di abilitare tutte le applicazioni aziendali, incluse le applicazioni Windows business-critical, su dispositivi macOS all’interno di un’app catalog di Workspace ONE con single-sign-on integrato.

Il supporto per la gestione del ciclo di vita di Workspace ONE macOS include:

  • Enrollment DEP over-the-air.
  • Pacchetti Bootstrap che avviano post-DEP per completare la configurazione del dispositivo senza scripting e imaging dispendiosi in termini di tempo.
  • Policy, patch e aggiornamenti in tempo reale.
  • Completa distribuzione delle applicazioni native Mac, inclusi provisioning, distribuzione, aggiornamento e dismissione.
  • Un catalogo di app per singola istanza SaaS, nativa di MacOS, Intranet e applicazioni Windows virtualizzate
  • Single sign-on integrato, incluso il supporto per i provider di identità di terze parti.
  • Conformità del dispositivo, gestione dei certificati PKI, gestione di FileVault, GateKeeper, ecc.

Infine, un altro elemento menzionato è Workspace ONE Intelligence, il nostro nuovo servizio di analisi che aggrega e mette in correlazione i dati tra dispositivi, app, utenti e reti per fornire approfondimenti e suggertimenti nell’intero dello spazio di lavoro digitale. I clienti hanno anche la possibilità di impostare le “Automations” che possono eseguire azioni sui data trigger correlati.

“VMware ha anche recentemente acquisito il fornitore di app di  analisi mobili Apteligent per rafforzare questa offerta attraverso la nuova funzionalità di Workspace ONE Intelligence che fornisce analisi delle applicazioni insieme alle analisi UEM e ai flussi di lavoro automatizzati”. IDC Marketscape: Worldwide Mobility Management 2018 Vendor Assessment.

Queste automazioni possono essere utilizzate per ridurre tempi e costi IT, migliorare la sicurezza e la conformità e ottimizzare l’esperienza dell’utente. Per esempio:

  • Tenere sotto controllo il livello di vita della batteria, inviare e-mail a chi si occupa dell’acquisto una volta che il livello della batteria raggiunge il 20% per evitare interruzioni all’utente.
  • Identificare le applicazioni non installate sul dispositivo o installate e non utilizzate per un certo periodo di tempo, avvisare il team dell’applicazione per recuperare e riutilizzare le licenze o acquistare / rinnovare meno licenze.
  • Monitorare i livelli di rischio del dispositivo basati sulle patch del sistema operativo e versione del BIOS, abilitata la trasted Platform, abilitato il secure boot, ecc. Posiziona i dispositivi in quarantena automatica se si verifica un certo rischio avvisando l’utente delle azioni da intraprendere.

Questi sono solo alcuni esempi di come Intelligence è un punto di svolta, e diventa più potente più dispositivi hai sotto la gestione di Workspace ONE! Quindi inizia a condurre quei PC e Mac Windows 10 verso una moderna gestione over-the-air (ideale per la tua forza lavoro remota e mobile!). E sfrutta l’analisi dei dati sull’intera base utenti e dispositivi.

 

Fonte: VMware

 

Passaggio sicuro e strumenti di migrazione del Mobile Device Management (MDM)

Passaggio sicuro e strumenti di migrazione del Mobile Device Management (MDM)

Molte organizzazioni si ritrovano con più soluzioni per la gestione dei dispositivi mobili, computer, applicazioni e persino di IoT. Per aiutare la transizione dei clienti verso una piattaforma Unified Endpoint Management (UEM) completa, AirWatch sta offrendo una serie di servizi di migrazione dai  tradizionali MDM a VMware AirWatch. Inoltre, VMware ha ampliato il suo programma Safe Passage per aiutare i clienti di BlackBerry che ora devono migrare da Good for Enterprise con il  recente annuncio di fine vita e ha  lanciato uno strumento di migrazione MDM. Questi servizi semplificano il processo di transizione a VMware AirWatch con il minimo impatto per l’utente finale.

Fonte: VMware