Andare oltre la Multi-Tenancy

Andare oltre la Multi-Tenancy

La multi-tenancy si riferisce ad una singola istanza di un’applicazione software utilizzata da più clienti. Diverse applicazioni di Enteprise Service Management consentono a più reparti di assistenza di condividere un’unica installazione dell’applicazione.

Le grandi imprese che operano in più paesi hanno spesso dipartimenti IT, HR, Finance e Facilities Management in ogni paese per offrire supporto locale alle proprie attività. Questi dipartimenti locali si affidano tipicamente ad un centro di servizi condiviso per molti dei servizi che forniscono ai dipendenti che supportano. Tutti questi fornitori di servizi interni vorranno configurare diversamente l’applicazione di gestione dei servizi in modo che soddisfi le loro esigenze specifiche. Potrebbero anche non desiderare che tutti i loro dati siano condivisi con gli altri fornitori all’interno dell’azienda. Tuttavia, hanno la necessità di lavorare insieme. Ad esempio, quando un nuovo dipendente entra in azienda, le risorse umane chiederanno all’IT di preparare un PC e al Facilities Management di preparare l’ufficio.

Dare a ciascuno dei fornitori interni la propria istanza di un’applicazione di gestione dei servizi darebbe loro il controllo completo sul modo in cui la configurano. Ciò garantirebbe anche che i dati siano tenuti separati dal resto dell’organizzazione, il che è particolarmente importante per le richieste dell’HR, in quanto possono tenere riservate le informazioni molto sensibili. Ma un’istanza separata per ogni reparto impedirebbe loro di lavorare insieme. Ad esempio, quando un dipendente segnala un problema di posta elettronica al reparto IT locale, non sarebbe in grado di passare l’incident al centro servizi condivisi responsabile del servizio e-mail globale dell’azienda.

La multi-tenancy è un tentativo di garantire che più fornitori di servizi possano lavorare insieme, avere la possibilità di personalizzare il proprio ambiente di gestione dei servizi e controllare i dati che condividono tra loro. Il motivo per cui questo sembra interessante è che evita i costi di creazione e mantenimento di un ambiente multi-istanza, in cui vengono create istanze separate per i diversi domini di supporto e vengono stabilite integrazioni per consentire lo scambio di ticket tra di loro.

Questo documento esplora le ragioni per cui le organizzazioni decidono di utilizzare la multi-tenancy, i problemi che incontrano successivamente e come possono evitare questi problemi utilizzando una soluzione più moderna che sfrutta al meglio il cloud.

Per maggiori informazioni effettuate il download del White Paper (è necessaria la registrazione).

Fonte: 4me

Sondaggio globale di Scopism sul SIAM

Sondaggio globale di Scopism sul SIAM

Questo white paper presenta i risultati del primo sondaggio dei professionisti del SIAM – Service Integration and Management – (integrazione tra i servizi nell’ITSM), condotto nel 2018. I risultati del sondaggio si basano sulle risposte di oltre 200 professionisti del SIAM in tutto il mondo.

Il white paper è strutturato in quattro sezioni:

  1. Dati demografici – include una suddivisione di chi sono i partecipanti al sondaggio, dove sono localizzati nel mondo e le relative informazioni, incluso salario, sesso e dimensioni dell’ organizzazione.
  2. Risposte delle organizzazioni che non stanno usando il SIAM, ma prevedono di farlo – compresi i benefici che si aspettano di raggiungere e le sfide che dovranno affrontare.
  3. Risposte delle organizzazioni che stanno usando il SIAM – incluso in quanto tempo lo hanno implementato, il tipo di servizio adottato e i benefici raggiunti.
  4. Risposte da organizzazioni che vendono consulenza o soluzioni SIAM – compreso ciò che i loro i clienti si aspettano dall’adozione del SIAM, le sfide che devono affrontare e le competenze di cui hanno bisogno.

Per maggiori informazioni effettuate il download del White Paper (è necessaria la registrazione).

Fonte: 4Me

Preparare un Service Desk in outsourcing

Preparare un Service Desk in outsourcing

Quando un’organizzazione decide di esternalizzare il proprio supporto IT di primo livello, dovrà porsi la seguente domanda: quale strumento di service management utilizzeranno gli analisti del service desk? In genere, il cliente utilizza già un’applicazione per acquisire le richieste dei suoi dipendenti. Il fornitore esterno del supporto di primo livello probabilmente vorrà usare il proprio strumento perché è stato personalizzato per le sue esigenze specifiche. Prima che il fornitore esterno possa rilevare il service desk del cliente, è necessario fare una scelta.

In sostanza, ci sono tre opzioni:

  1. Gli analisti del service desk utilizzano lo strumento di service management del cliente.
  2. Il cliente sostituisce il proprio strumento di service management e inizia ad utilizzare lo strumento del fornitore.
  3. Gli analisti del service desk utilizzano lo strumento dell’azienda e le richieste che devono essere inoltrate ai team di secondo livello del cliente vengono duplicate nello strumento del cliente tramite un’integrazione.

Il white paper, di cui ti invitiamo ad effettuare il download,  esamina i pro e i contro delle tre opzioni. Poiché tutte e tre le opzioni presentano notevoli svantaggi, il white paper esamina successivamente una quarta opzione.

Per maggiori informazioni effettuate il download del White Paper (è necessaria la registrazione).

Fonte: 4me

 

4me nominato “Rising Star” da ISG

4me nominato “Rising Star” da ISG

4me è  stato riconosciuto come “Rising Star” nell’ultima edizione della relazione ISG Provider Lens ™ per il 2019. Il rapporto esamina la capacità dei fornitori di servizi IT (ITSM) e di Service Integration and Management (SIAM) di supportare le esigenze delle organizzazioni aziendali per sostenere il digital workspace.

Nelle ultime settimane il nostro team ha lavorato a stretto contatto con i principali analisti di ISG per aiutarli a capire come 4me sia la miglior soluzione SIAM disponibile oggi sul mercato per rispondere alle esigenze future.

Nel report, ISG conclude:
“4me è ideale per automatizzare le operazioni e offrire un service portal a tutti i dipendenti aziendali per qualsiasi tipo di richiesta”.

ISG rileva inoltre che a 4me è stato assegnato il badge Rising Star grazie ai punteggi elevati ottenuti nelle aree di Business Value e Service Management. Infine, gli analisti evidenziano quattro aree di interesse di cui sono rimasti impressionati in 4me:

  • Solido portafoglio

4me offre un portafoglio ampio e ricco di funzionalità sviluppato sulla base di un’esperienza pratica di lunga durata.

  • Consolida le informazioni tra più suite di gestione

Facile da usare, offre una visione consolidata dei servizi aziendali consentendo al tempo stesso un semplice drill-down per gli elementi di servizio.

  • Abilita l’orchestrazione del vendor multi-cloud

L’approccio go-to-market di 4me è rivolto a MSP e partner per fornire una piattaforma per la gestione dei servizi multi-tenant. Con questo approccio, l’azienda supporta oggi più di 100 clienti in tutto il mondo.

  • Orchestrazione oltre l’IT

La soluzione di 4me consente ai clienti non solo di gestire ambienti IT multi-vendor ma anche di integrare altri servizi condivisi come la gestione delle risorse umane, finanziarie, legali e delle strutture.

Ulteriori informazioni possono essere trovate scaricando il report ISG Provider Lens ™ 2019 SIAM / ITSM. Vedi anche il comunicato stampa di ISG.

Fonte: 4me